Utente: Anonimo

Vacanze di Ferragosto in autostop? Oggi si chiama carpooling

In vista del weekend del 15 agosto aumentano del 50% le visite a postoinauto.it, il portale che ha lanciato il carpooling in Italia nel febbraio 2010. Migliaia i carpooler in partenza in questi giorni
Milano, 11/08/2011 (informazione.it - comunicati stampa - trasporti) Con la crisi che non sembra voler finire e i prezzi della benzina alle stelle, aumentano le alternative low cost anche per andare in vacanza. Ed ecco che chi non può (o non vuole) permettersi treno, aereo o un viaggio solitario in macchina sceglie sempre più spesso di condividere l’auto. Lo rileva postoinauto.it: il portale italiano di carpooling registra un aumento significativo delle partenze per il weekend di Ferragosto, soprattutto dal Nord verso il Meridione.

È così che la pratica del carpooling – partita nel Nord Europa, dove milioni di persone condividono l’auto ogni anno – sta raggiungendo anche il Bel Paese. Complice la crisi, ma anche la diffusione di Internet, che facilita il contatto tra persone intenzionate a percorrere lo stesso tragitto. Fino a qualche anno fa bisognava attendere ore e ore con il pollice alzato – oggi basta un clic dal PC di casa o dallo smartphone per trovare dei compagni di viaggio. Con la garanzia, per chi cerca o offre un passaggio su postoinauto.it, di viaggiare in totale sicurezza: oltre a commenti di feedback pubblici, il portale fornisce delle vere e proprie “pagelle”, compilate dagli utenti, sul rispetto del codice della strada e sulla puntualità degli automobilisti e sullo stato di sicurezza e pulizia dell’auto utilizzata. Si tratta di un servizio unico nel suo genere nel panorama del carpooling italiano, che contribuisce a rendere la condivisione dell’auto un’esperienza sicura e piacevole. E molto apprezzato dagli utenti: “Prima di prenotare un passaggio su postoinauto.it – racconta Mirko, 38 anni – do sempre uno sguardo ai commenti di feedback degli utenti e contatto preferibilmente quelli con la guida più sicura. Non voglio rischiare di trovarmi in macchina con uno Schumacher”. Infine, il “viaggio rosa”, il carpooling al femminile ideato da postoinauto.it, ha avvicinato molte donne al carpooling. Come Monica, 34 anni, separata, che affida spesso la figlia di 12 anni a una carpooler selezionata per la visita al padre: “Mi sento sicura perché so che mia figlia viaggia solo con donne, e la guidatrice è simpatica e rispetta le regole. In questo modo pago 10 euro anziché 40 per il biglietto del treno, e per me 30 euro fanno la differenza”.

In questo weekend di Ferragosto, soprattutto sulle lunghe distanze sempre più automobilisti scelgono di condividere l’auto: nell’ultima settimana le offerte di passaggio sulle tratte extraurbane sono aumentate del 50 percento. In particolare, è la direttrice adriatica a essere quella più popolare tra i carpooler, con molti posti a disposizione per spostarsi, ad esempio, dalla Lombardia alla Puglia; altre mete sono la Campania, la Calabria o la Sicilia. Con un risparmio economico evidente rispetto all’utilizzo della propria auto o di un mezzo alternativo, e la coscienza pulita: il carpooling contribuisce a ridurre l’inquinamento atmosferico e la sua diffusione può permettere, nel medio termine, di ritardare la formazione di code. Ma non solo: viaggiando in compagnia si riduce la durata percepita del viaggio, e le vacanze possono così iniziare prima.

Informazioni su postoinauto.it
Postoinauto.it, lanciato nel febbraio 2010 da due studenti oggi imprenditori, conta migliaia di appassionati che mettono a disposizione i loro posti liberi in auto per andare al lavoro, per tornare a casa nel fine settimana, ma anche per andare in vacanza, in Italia e all’estero, a prezzi stracciati e nettamente inferiori rispetto a ogni altro mezzo di trasporto. Un’alternativa interessante non solo dal punto di vista economico: chi viaggia con il carpooling ha il posto a sedere garantito, fa nuove amicizie e rispetta l’ambiente.
Uno dei cardini del servizio di postoinauto.it è la sicurezza. Un sofisticato sistema di feedback, per valutare la puntualità, lo stile di guida e il rispetto del codice della strada da parte dell’autista, ma anche la registrazione obbligatoria, l’indicazione del numero di targa, la segretezza dei dati personali, il viaggio rosa dedicato alle donne e la verifica facoltativa del proprio account con un documento di identità sono alcuni degli strumenti messi a punto dal portale per garantire la sicurezza dei propri utenti.
Ulteriori Informazioni
Ufficio Stampa
Olivier Bremer
postoinauto.it
Italia
ufficiostampa@postoinauto.it