Sclerosi Multipla, le stenosi delle vene giugulari sono una prova a favore del metodo Zamboni?

Il dibattito sulla CCSVI nella SM dunque continua ma sembra davvero che questa teoria abbia più di un fondamento.
Trieste, 18/09/2011 (informazione.it - comunicati stampa - salute e benessere) In questi mesi è in corso un acceso dibattito nella comunità scientifica italiana ed internazionale in merito alla recente teoria del prof. Paolo Zamboni, Direttore del Centro Malattie Vascolari dell'Università di Ferrara, sulla correlazione tra la sclerosi multipla e l'insufficienza venosa cronica cerebro spinale (CCSVI) da lui stesso scoperta durante i suoi studi durati quasi un decennio e pubblicati due anni fa.

Il dibattito si è infiammato tra coloro che ritengono assolutamente plausibile questa ipotesi anche grazie ai numerosi riscontri diagnostici nei pazienti con sclerosi multipla, mediante l'esame ecocolordoppler (ECD) e anche con gli interventi di angioplastica (PTA), che serve poi a trattare le stenosi delle vene giugulari interne.

Alcuni oppositori a questa scoperta tutta italiana stanno tentando addiritura di negare l'esistenza stessa della CCSVI come patologia, quasi a voler dimostrare che il prof. Zamboni e i suoi colleghi vascolari la CCSVI se la sono sognata di notte.

Ciò in parte è avvenuto anche di recente durante il convegno di Monaco di Baviera dei radiologi interventisti e cardiovascolari europei.

In merito è molto utile leggere anche una recente lettera, pubblicata su sito della prestigiosa rivista "Journal of Neurololgy, Neurosurgery & Psychiatry" nell'aprile di quest'anno e completamente ignorata dai media del settore, da parte di un gruppo di ricercatori dell'Istituto Spallanzani di Roma guidati dall'anatomopatologo dr. Andrea Baiocchini ed intitolata "Stenosi anatomica delle vene giugulari interne: una prova a favore dell'insufficienza venosa cronica cerebro spinale?".

Gli autori hanno riferito di aver eseguito un esame completo "post-mortem" in due pazienti con sclerosi multipla, decedute per cause differenti.

La prima paziente, una donna di 74 anni, era stata ricoverata per una malattia respiratoria acuta ed è morta a causa di una polmonite batterica, mentre l'altra, una donna di 35 anni, è morta a causa di una meningite virale complicata da una trombosi alla vena giugulare interna come dimostrato dalla venografia con risonanza magnetica.

L'esame post-mortem ha dimostrato in entrambe le pazienti una marcata stenosi della vena giugulare interna di sinistra. Il rallentamento del flusso venoso, causato dalla stenosi, ha predisposto ad una trombosi della vena giugulare, dimostrato istologicamente nel secondo caso.

Gli autori hanno così potuto dimostrare la presenza di alterazioni anatomiche nelle vene del collo con un drenaggio venoso alterato dal sistema nervoso centrale in due pazienti con sclerosi multipla, che sono morte per altre cause.

Gli autori scrivono infine di non conoscere le esatte implicazioni con la sclerosi multipla ma a loro avviso non vi è dubbio che questo campo meriti uno studio più ampio.

Il dibattito sulla CCSVI nella SM dunque continua ma sembra davvero che questa teoria abbia più di un fondamento.
Ufficio Stampa
Alessandro Rasman
Codici Consumatori Trieste
Italia
Allegati
Non disponibili
SCLEROSI MULTIPLA, ANCORA CONFERME SULLE ANOMALIE DELLE VENE GIUGULARI  -  Secondo gli autori dello studio i pazienti affetti da sclerosi multipla hanno dimostrato maggiori cambiamenti morfologici ed anomalie emodinamiche rispetto agli individui sani che non sono affetti da sclerosi multipla. Questi risultati possono essere ben dimostrati dall'esame ecocolordoppler, non...
Sostieni il progetto di ricerca del Professor Zamboni su CCSVI e Sclerosi Multipla
Sostieni il progetto di ricerca del Professor Zamboni su CCSVI e Sclerosi Multipla  -  Donazioni a favore della Ricerca del Prof. Zamboni su CCSVI e Sclerosi Multipla
Metodo Zamboni e Sclerosi multipla: un’altra conferma  -  Questi risultati preliminari confermano pertanto le scoperte fatte negli studi precedenti con effetti positivi del trattamento endovascolare per patologie venose nei pazienti con Sclerosi multipla, incoraggiando e giustificando nuovi studi su questo argomento.
Il Sativex(R) introdotto in Spagna per trattare la spasticità nella sclerosi multipla (SM)  -  Il Sativex(R) è da oggi disponibile in Spagna. Il farmaco è stato approvato per la cura della spasticità dovuta alla sclerosi multipla (SM) nei pazienti che non rispondono ad altre terapie. - Almirall sta inoltre lanciando un sito web per pazienti, personale sanitario e familiari, per fornire...
CCSVI e Sclerosi Multipla - Il successo del Convegno
CCSVI e Sclerosi Multipla - Il successo del Convegno  -  A Novembre ci siamo recati a Ferrara, per incontrare il Professor Zamboni presso il suo luogo di lavoro: abbiamo trovato una persona straordinaria, di una grande umanità e professionalità, convinto delle sue idee, ma pronto a metterle in discussione al fine di trovare un maggiore riscontro alle...
Loading....