Tassi e mercato immobiliare: si scende

In Italia cala di poco il mercato immobiliare e i tassi dei mutui scendono rivelandosi particolarmente convenienti.
Milano, (informazione.it - comunicati stampa - varie) Il crollo del mercato immobiliare sembra scampato, almeno per il momento. Il valore degli investimenti nel bene-casa è sceso anche nel nostro Paese, senza però dare segni drammatici come è accaduto recentemente negli Usa e in Spagna. Investire sull’immobile si rivela infatti ancora la soluzione migliore, secondo il Corriere della Sera, nonostante il calo del 2,6% delle quotazioni del mercato. Un andamento fisiologico, dato il periodo.
La crisi economica è ancora tutt’altro che passata e, per una volta, non si accanisce su coloro che hanno deciso di indebitarsi sottoscrivendo un mutuo e facendo sacrifici per comprare casa. Il mercato segnala l’incertezza che durerà ancora nei prossimi mesi e archivia la possibilità di una stabile ripresa che, come ha dichiarato Jean-Claude Trichet, governatore della Banca Centrale Europea, sarà “moderata e dominata dall’incertezza”. Ma in questo dubbioso scenario i più favoriti sono proprio coloro che stanno rimborsando un mutuo a tasso variabile o, più in generale, che decidono di stipulare un mutuo casa.
I tassi dei mutui continuano infatti a scendere: quelli fissi hanno abbattuto la soglia del 4% e quelli variabili si trovano ora a un livello inferiore al 2%, cosa impensabile solo qualche anno fa. Il trend di questi ultimi fa ben sperare, stando alle previsioni, per il prossimo triennio.
I tassi fissi scendono perché sono legati inevitabilmente all’Irs o Eurirs, il tasso d’interesse per i prestiti interbancari utilizzato come parametro di indicizzazione dei mutui ipotecari a tasso fisso, che è aggiornato dalla Federazione Bancaria Europea e che in questo momento segna una consistente diminuzione per i mutui di durata superiore ai 20 anni, i più convenienti.
Anche l’Euribor, l’indice da cui dipendono le oscillazioni dei mutui a tasso variabile, registra un calo. Un ribasso dei mutui a tasso variabile era cominciato già a inizio agosto dopo una lenta risalita iniziata a marzo 2010. L’indice trimestrale (attualmente a quota 0,90%) secondo le previsioni dovrebbe superare l’1% a giugno 2011 e il 2% a dicembre 2012, mantenendosi quindi a livelli più che accettabili.
E il mercato immobiliare in termini geografici? A Roma e a Milano i valori degli immobili sono mediamente il triplo rispetto a quelli di città come Palermo, Catania o Cagliari, se si considerano le aree di pregio, mentre in periferia il valore rimane superiore al doppio. La Capitale supera infine, di poco, i valori medi del capoluogo lombardo.
Gli analisti ritengono che si andrà incontro a una stabilizzazione del mercato, ma i dubbi sull’opportunità di acquistare la prima casa o cambiare quella che si ha già restano. Per chi desidera richiedere un mutuo si consiglia sempre di ragionare in un’ottica di medio e lungo termine, per evitare di trovarsi dopo pochi anni nella necessità di rivendere la propria casa come è accaduto a molte famiglie statunitensi.
Un modo per compiere una scelta oculata nell’eterno dilemma tra mutuo a tasso fisso e mutuo a tasso variabile è quello di affidarsi al comparatore del sito Supermoney, che permette di personalizzare la propria ricerca e trovare la soluzione più adatta alle proprie esigenze.

Leggi l’articolo anche su Chiarezza, l’osservatorio del risparmio di Supermoney.
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
Linda Iulianella
 Supermoney (Leggi tutti i comunicati)
Via Barachini,9
Milano (Milano) Italia
linda.iulianella@supermoney.eu
Allegati
Non disponibili
RIPARTE IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA  -  MutuiOnline.it, leader in Italia nel settore nella comparazione e nel brokeraggio di mutui, rileva per il 2010 una crescita nel mercato dei mutui nel nostro Paese di quasi 14 punti percentuali rispetto al 2009. La rilevazione è stata effettuata sulla base dei dati rilasciati a fine aprile da Banca…
Confrontando i tassi dei mutui: come si può risparmiare? Confrontando i tassi dei mutui: come si può risparmiare?  -  Secondo i dati del primo rapporto dell’Abi sulla situazione economica delle famiglie italiane (realizzato con la collaborazione del Ministero del Welfare) si è rilevato che la richiesta dei mutui casa per l’acquisto dell’abitazione nel corso del 2009 è cresciuta dell’8,2% (Apcom) rispetto al…
Mutui “ballerini” da un lato all’altro dell’Atlantico.  -  Mai come in questo momento risulta appropriato citare il famoso detto “tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare” per analizzare la situazione singolare che si è creata ultimamente nei mutui casa sulle due sponde dell’Atlantico. Se infatti da questa parte dell’oceano, in Europa, alcuni dei…
Il risveglio dell’Euribor? Il risveglio dell’Euribor?  -  Variabile di nome e di fatto. Negli ultimi mesi ci eravamo abituati all’Euribor, l’indice da cui dipendono i mutui a tasso variabile, ai minimi storici fino a toccare solo sei mesi fa lo 0,63%. Ed ora? La situazione in realtà non ha subìto drastici cambiamenti ma è indicativa di un momento di lenta ripresa com’è quello che…
Confronto mutui, Euribor ai minimi storici. Consigli per il risparmio. Confronto mutui, Euribor ai minimi storici. Consigli per il risparmio.  -  Mutui a confronto, l’Euribor scende ancora e le condizioni di sottoscrizione dei nuovi finanziamenti sono decisamente vantaggiose. «L’Euribor a tre mesi - sottolinea Bruno Iambrenghi, Business Development Manager di Supermoney.eu - è sceso sotto lo 0,70% e questo conferma come…
Loading....