“Translators4children”: al via dal 1° settembre il traduttore di cartelle cliniche per bambini stranieri malati

Il progetto Translators4children sarà interamente gratuito e su base volontaria proprio per aiutare i meno abbienti.
Lecce, (informazione.it - comunicati stampa - società) “Translators4children”: al via dal 1° settembre il traduttore di cartelle cliniche per bambini stranieri malati. Un progetto innovativo finalizzato a fare del bene a chi ne ha bisogno interamente gratuito e senza scopo di lucro

Si chiama “Translators4children”, progetto Umanitario Pediatrico Internazionale che aiuta le famiglie con un bambino malato a tradurre i documenti necessari.
A partire dal 1° Settembre tecnicamente aprirà un sito internet formato da traduttori e medici volontari di ogni nazionalità che metteranno la proprio professionalità e conoscenza, in maniera del tutto gratuita, a disposizione dei bambini stranieri con necessità di tradurre cartelle cliniche, documenti utili per sottoporsi ad interventi chirurgici o, ancora, documenti che insegnino a salvare la vita di un bambino.
Perché, per quanto strano possa apparire, spiega Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti”, in un contesto tale spesso una cartella clinica in lingua sconosciuta rappresenta un problema serio e di non facile gestione, un ostacolo spesso insormontabile.
I bambini che vengono in Italia per cure mediche si portano dietro cartelle cliniche nella lingua del loro paese per cui i medici si sono imbattuti più volte in questa problematica. I problemi sono soprattutto di natura economica in quanto la maggior parte degli immigrati bisognosi di cure, proviene da un ceto sociale meno abbiente che non può permettersi di pagare un traduttore.
Il progetto Translators4children sarà invece interamente gratuito e su base volontaria proprio per aiutare i meno abbienti.
“Translators4children è l’ unico sito al mondo che tradurrà a partire dal 1 settembre cartelle cliniche e sarà funzionante e consultabile all’indirizzo http://www.translators4children.com/index.php.
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
giovanni d'agata
Sportello dei Diritti
via belluno
73100 lecce Italia
dagatagiovanni@virgilio.it
3889411240
Allegati
Non disponibili
Online Summer School 2011 – Il Futuro della Professione del Traduttore (12-30 settembre 2011) Online Summer School 2011 – Il Futuro della Professione del Traduttore (12-30 settembre 2011)  -  La terza edizione della Online Summer School (OSS 2011) organizzata dalla European School of Translation verrà inaugurata ufficialmente il 12 settembre 2011 alle 14.30 (CEST) con un incontro di benvenuto che sarà dedicato a raccogliere le domande alle quali…
L'Osteopatia in Africa per aiutare i bambini: è questo il progetto Furaha Onlus  -  Furaha in swahili vuol dire “felicità”, quella che il gruppo fondatore dell’associazione fiorentina Furaha Onlus si propone di portare in Tanzania, attraverso un ambizioso progetto di volontariato basato sulla medicina integrata e sull'Osteopatia. E’ uno studente di…
FERONE (PARTITO PENSIONATI), AIUTARE LE FAMIGLIE DEI MALATI DI ALZHEIMER. FERONE (PARTITO PENSIONATI), AIUTARE LE FAMIGLIE DEI MALATI DI ALZHEIMER.  -  Il Consigliere Regionale del Partito Pensionati, Luigi Ferone, ha presentato un’interrogazione alla Giunta per sapere il numero e l’ubicazione delle strutture semiresidenziali a carattere diurno in grado di agevolare le famiglie dei malati di alzheimer nella difficile gestione…
OptiNose standardizza in base alla tecnologia clinica Medidata Rave OptiNose standardizza in base alla tecnologia clinica Medidata Rave  -  Medidata Solutions (Nasdaq: MDSO), un leader mondiale nel settore delle soluzioni di sviluppo cliniche basate su SaaS, oggi ha annunciato che la sua soluzione di acquisizione elettronica dei dati (EDC) e gestione dei dati clinici (CDM) Medidata Rave® è stata selezionata da…
Iniziative di solidarietà alla Cooperativa Agricola Legnaia, per aiutare i bambini malati di aids in Tanzania  -  In occasione delle feste la Cooperativa Agricola Legnaia ricorda che si può fare solidarietà anche con un piccolo gesto, basta devolvere una parte dei punti fedeltà e degli sconti ottenuti nei vari negozi della Cooperativa in favore del…
Loading....