Utente: Anonimo

Cividalese, Valli del Torre, Natisone e Collio: Verso la creazione di organismo mandamentale che sintetizzi e riunisca tutti gli attori pubblici e privati

http://www.balloch.it
Sibau: “cogliere la grande opportunità data a Cividale col riconoscimento Unesco”; Strazzolini (Cividale del Friuli): “è necessario fare massa, coinvolgendo il maggior numero di istituzioni e organismi che si occupano di turismo, compresi consorzi e strade del vino”.
Cividale del Friuli (Ud-Fvg), 05/08/2012 (informazione.it - comunicati stampa - arte e cultura)

Comunità Montana Torre Natisone Collio
Sede San Pietro al Natisone
Udine - Friuli Venezia Giulia - Italia

FRONTE COMPATTO PER IL TURISMO

Verso la creazione di organismo mandamentale
che sintetizzi e riunisca tutti gli attori pubblici e privati

Sibau: “cogliere la grande opportunità data a Cividale col riconoscimento Unesco”
Strazzolini (Cividale del Friuli): “è necessario fare massa,
coinvolgendo il maggior numero di istituzioni e organismi che si occupano di turismo,
compresi consorzi e strade del vino”

Il coinvolgimento del territorio sloveno è stato accolto positivamente da tutti


Il 25 luglio scorso, i sindaci dei Municipi della Comunità Montana del Torre Natisone e Collio, e un rappresentante del Consorzio Dolce Nord Est si sono riuniti nella sede della Comunità Montana a San Pietro al Natisone. Tema del vertice la promozione turistica del territorio per trovare una soluzione che permetta il riconoscimento da parte dell’Agenzia Turismo Fvg, quindi, di conseguenza, la possibilità di usufruire dei benefici e finanziamenti previsti dalle norme.

L’idea era emersa durante un precedente incontro, del febbraio 2012, organizzato dal Consorzio Dolce Nord Est, a Nimis, cui avevano preso parte amministratori locali, il presidente della Provincia Pietro Fontanini e l’assessore regionale al turismo Federica Seganti. Di seguito, la Comunità Montana ha organizzato altri vertici con amministratori, associazioni, esperti ed operatori del settore turistico, anche della vicina Slovenia. Lo scopo? Verificare le problematiche del settore, la fattibilità e la condivisione di un progetto che promuova le potenzialità turistiche di un’area vasta: Valli del Torre, dove già opera il Consorzio Dolce Nord Est, Valli del Natisone e Cividale del Friuli, cogliendo la grande opportunità data a quest’ultima cittadina dal recente riconoscimento Unesco. Il coinvolgimento del territorio sloveno è stato accolto da tutti positivamente.

“Sono emerse diverse necessità - spiega l’Amministratore temporaneo della Comunità montana, Giuseppe Sibau -: quella, ad esempio, che ogni area si doti di una struttura quale punto di riferimento per il turista, come già avviene nelle Valli del Torre”.

Per il Comune di Cividale del Friuli, rappresentato in quella sede dall’assessore Mario Strazzolini, “è necessario fare massa, coinvolgendo il maggior numero di istituzioni e organismi che si occupano di turismo, compresi consorzi e strade del vino - ha fatto notare -. Sull’ipotesi di un organismo di tipo mandamentale, la giunta comunale di Cividale è d’accordo. Per la visibilità di tutto il territorio, molto importante il riconoscimento Unesco ottenuto dalla Città Ducale”.

Tra gli altri obiettivi da raggiungere la creazione di una struttura unica che omogeneizzi le diverse proposte delle diverse aree e la creazione di un gruppo di lavoro composto da 2 o 3 referenti individuati per ogni area, che poi si confrontino con gli altri amministratori. “Indispensabile il rapporto paritario tra tutti i soggetti coinvolti come base di partenza del nuovo organismo – dice Sibau -. Ogni ambito elaborerà un proprio pacchetto riguardo ai suoi siti di interesse turistico, col coinvolgimento degli Enti pubblici e dei privati. Il privato, infatti, è l’attore principale: la parte pubblica deve occuparsi di linee guida e infrastrutture tra cui segnaletica, manutenzione del territorio, informazione, web, ecc. Sarà utile recuperare esperienze e lavoro fatto finora sul territorio per lo sviluppo di azioni concrete che mirino a confezionare, per l’intera area Cividale-Natisone-Torre, un prodotto turistico condiviso ed efficace, gestito e promosso in prima persona dagli attori locali coinvolgendo anche il Gal”.

In conclusione si è stabilito che ogni area (Torre - Cividale del Friuli - Valli del Natisone) definirà i propri obiettivi ed esigenze, per addivenire ad un organismo mandamentale che sintetizzi e riunisca tutti gli attori pubblici e privati; soggetti che, direttamente o indirettamente, si occupano di turismo nelle aree del Torre, Cividale del Friuli e Valli del Natisone. Il prossimo incontro a settembre, con la partecipazione del direttore di Turismo Fvg e dell’assessore regionale competente. “All’incontro bisognerà giungere con una proposta unitaria, risultato delle singole esigenze territoriali”.
Ulteriori Informazioni
Ufficio Stampa
Paola Treppo e Rosalba Tello
Press Office
Tarcento
33017 Tarcento Italia
paola.treppo1@tin.it
+39 338 9907440