Utente: Anonimo

Il team building dà valore al team

Il team building è metodologia conosciuta e sperimentata con successo da realtà aziendali di medie e gradi dimensioni.
, 19/03/2008 (informazione.it - comunicati stampa - istruzione e formazione)

Il team building è una metodologia ormai conosciuta e sperimentata con successo da realtà aziendali di medie e gradi dimensioni. Il suo ritorno in termini di performance di team è riconosciuto dalla maggior parte dei professionisti delle risorse umane visto che all’interno di un’organizzazione la somma delle competenze degli individui che costituiscono un gruppo è superiore alle skill che ogni risorsa possiede singolarmente.

Se fosse così semplice qualsiasi responsabile di team, attratto dal miglioramento delle performance ricorrerebbe velocemente e senza dubitare alle attività di team building. Per avere un team che performi è necessario che prima si crei un gruppo bilanciato, dove i ruoli sono chiari e definiti. Ma se il team esiste già e dobbiamo raggiungere i nostri obiettivi con queste risorse?

Il prima passo da percorrere è quello di investire tempo e risorse per costruire un gruppo coeso con un forte spirito di squadra. Un gruppo dove le risorse si rispettano, si fidano, dove tutti sono allineati verso un obiettivo comune. Il team building nelle sue varie forme consente di amalgamare, allineare e condividere le conoscenze all’interno di un gruppo di persone diverse per capacità, competenze e, soprattutto, per temperamento e carattere.

A questo punto la palla passa ad una azienda di professionisti di team building e non resta che affidarci alle cure dei “medici dei team”. Una volta comprese quali sono le problematiche del team, in quella che viene definita fase di analisi dei bisogni, non resta che portare il gruppo fuori dall’ambiente di lavoro, dargli un obiettivo da raggiungere, delle regole da osservare, un tempo limitato e alcuni supporti per raggiungere l’obiettivo.

Durante la sessione i trainer avranno il compito di debriffare le attività svolte, cioè di trasferire alla realtà aziendale quello che accade in queste giornate, in modo da rendere consapevoli i singoli partecipanti di quelli che sono gli ostacoli che il team deve affrontare, per poi, avendo chiaro l’ostacolo, superarlo con più facilità. Razionalizzare un problema, vederlo, provarlo sulla pelle, è il primo passo per superarlo.

Comprendere che è possibile superarlo con l’aiuto del tuo team, è il secondo passo. Diventare un gruppo, o meglio, inizieranno per gradi a sentirsi parte di un gruppo, per poi, con interventi successivi, arrivare a performare come un vero team, questo è l’ultimo passo. Ma il team building funziona veramente? A sentire i manager che lo sperimentano in prima persona si.

Come Lorenzo Galli Responsabile Formazione Rohm and Haas Italia: “Credo che giornate come queste siano punti di riferimento essenziali per il cambio della "cultura del lavoro" che stiamo cercando di portare avanti in azienda, dove vorremmo creare un ambiente in cui ciascuno si preoccupa dell'altro, della sua sicurezza come se fosse la propria e delle sue difficoltà come se fossero opportunità per dare un feedback positivo” e continua “Quando in un futuro, il collega si troverà nella situazione di aiutare un altro collega, non si nasconderà dietro false divisione (diverse aree ndr), ma sarà magari lui a trovare nuove soluzioni e a dare suggerimenti costruttivi".

Da un recente studio condotto dalla Macer nei primi cinque principali paesi europei, emerge con chiarezza come in Italia i dipendenti sottolineino che la mancanza del gioco di squadra sia una delle cause principali della insoddisfazione sul lavoro, insoddisfazione che conduce a perdita di produttività.

La mancanza di senso di appartenenza alla propria azienda, l’incapacità di comunicare, l’assenza di ascolto delle opinioni e dei punti di vista dei propri colleghi risulta essere un problema più sentito in Italia che negli altri paesi. Un cattivo ambiente di lavoro non è solo un problema di immagine per l’azienda, ma pesa più di quel che si pensa sulla produttività.

Alcuni istituti di credito e GDO americani hanno stimato che il malessere dei dipendenti può costare fino al 30% in meno di ricavi.
Sento un forte senso di appartenenza verso la mia azienda
Nella mia azienda ci si impegna per raccogliere i punti di vista e le opinioni di chi lavora

Un ultima considerazione.
E’ fuori discussione che un intervento di formazione di team building sia leggermente più costoso di una tradizionale giornata d’aula, ma è anche fuori discussione che ciò che si assimila dopo l’ascolto di un seminario d’aula è sicuramente inferiore a quello che si apprende da un’esperienza vissuta in prima persona.

Se consideriamo che esistono numerosissime possibilità di finanziamento della formazione, dal Fondo Sociale Europeo ai Fondi Interprofessionali, allora il gioco vale la candela.

Daniele Gennaro Marketing Manager Teambuilder

Ufficio Stampa
ale dmb
Fun Events
Milano Italia
direttory_dmbrain@yahoo.com
Allegati
Non disponibili
COMUNICATI WIDGET
Pubblica liberamente i comunicati di Informazione.it sul tuo sito. SCOPRI COME...