Stop rave party dopo morte 21enne. L'incidente è avvenuto sulla riva del Ticino a Vigevano

La vittima è un ragazzo proveniente dalla provincia di Bergamo. Lo “Sportello dei Diritti chiede l’intervento anche della polizia postale per bloccarli in tempo.
lecce, (informazione.it - comunicati stampa - società) Si susseguono sulla stampa le notizie di rave non autorizzati bloccati dalle varie forze di polizia su tutto il territorio nazionale e tutti uniti da un minimo comune denominatore: sono raduni quasi sempre sprovvisti di qualsiasi autorizzazione da parte delle autorità competenti che arrivano ad ospitare migliaia di giovani in luoghi lontani dai centri abitati, tipo boschi e campagne, ricettacolo di droghe e di musica elettronica a frequenze altissime, ma soprattutto sono quasi tutti auto-organizzati attraverso un passaparola che utilizza il web quale principale strumento di comunicazione e d’incontro virtuale. Non più, quindi, solamente attraverso i tradizionali canali di comunicazione, quali il cosiddetto “pierraggio”, ossia attraverso alcuni soggetti che si sobbarcavano l’onere di contattare quanta più gente possibile anche attraverso locandine sparse nei comuni contigui al luogo ov’era previsto l’evento. Oggi, invece, l’utilizzo della rete consente di contattare in maniera rapida ed in forma pressoché anonima migliaia di persone da ogni luogo ed anche dall’estero e per tali ragioni, questi eventi diventano sempre più grandi e sempre più incontrollabili. Tali nuove possibilità, sono purtroppo, troppo spesso, causa di conseguenze sulla salute di chi li frequenta, tant’è che non sono rari i casi di gravi lesioni o morti di giovanissimi, conseguenti alla frequentazioni di questi luoghi, per l’utilizzo di sostanze stupefacenti che riescono a scorrere a fiumi proprio perché non sono sottoposti ad alcun controllo. Proprio venerdì sera è finito in tragedia un rave party che ha visto un migliaio di giovani radunarsi in riva al Ticino a Vigevano, in zona Ronchi, nei pressi della frazione Sforzesca. Intorno alle 19.30 un partecipante è caduto o si è immerso volontariamente nel fiume ed è stato sopraffatto dalla corrente, annegando. Il corpo senza vita è stato recuperato in seguito da un elicottero dei vigili del fuoco. Secondo le prime informazioni sarebbe un 21.enne arrivato dalla provincia di Bergamo. Di fronte alla disgrazia i partecipanti al rave, che avevano iniziato ad affluire fin dalle 3 della notte scorsa, hanno deciso di interrompere il rave e hanno iniziato il deflusso. Per tali ragioni, Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, affinché non si verifichino più fatti gravi come quelli già accaduti anche venerdì e trovandoci in un periodo clou in relazione ai rave che d’estate si moltiplicano in ogni regione del Territorio nazionale, chiede l’intervento delle Autorità, a partire dalla polizia postale che con il suo prezioso lavoro può essere in grado in fase preventiva di verificare la sussistenza di requisiti minimi di liceità relativi a questi party individuandone gli autori ed in fase successiva può inviare segnalazioni alle autorità locali affinché provvedano a fermare quelli già in corso se non provvisti delle regolari autorizzazioni.
Stop rave party dopo morte 21enne. L'incidente è avvenuto sulla riva del Ticino a Vigevano
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
giovanni d'agata
 provincia di lecce (Leggi tutti i comunicati)
via belluno
73100 lecce Italia
dagatagiovanni@virgilio.it
3889411240
Allegati
«È stato un errore assumere un italiano»: dopo il comunicato dello Sportello dei Diritti arriva l’intervento diplomatico del console italiano «È stato un errore assumere un italiano»: dopo il comunicato dello Sportello dei Diritti arriva l’intervento diplomatico del console italiano  -  Dopo il comunicato dello “Sportello dei Diritti” sulle dichiarazioni shock del direttore del Dipartimento delle Istituzioni svizzero Norman Gobbi che, in merito ad un caso di corruzione esploso in Canton…
Muore per infezione dopo l'intervento Ospedale V. Fazzi, nuova denuncia Muore per infezione dopo l'intervento Ospedale V. Fazzi, nuova denuncia  -  Un esposto è stato presentato alla procura di Lecce da parte dei familiari di un uomo deceduto all'ospedale "V. Fazzi" di Lecce, lo scorso 21 gennaio, dopo essere stato sottoposto ad un intervento chirurgico al cuore (tre bypass e due valvole plastiche), intervento…
Loading....
Informazione.it - Notizie a Confronto
Comunicati Stampa