OPERAI, LAVORATORI, VOTIAMO IN MASSA “NO” AL REFERENDUM E AI CONTRATTI-TRUFFA!

A pochi giorni dal referendum costituzionale, ecco le intese per il rinnovo dei contratti dei lavoratori metalmeccanici e del pubblico impiego. Non è un caso.
Roma, (informazione.it - comunicati stampa - politica e istituzioni) OPERAI, LAVORATORI, VOTIAMO IN MASSA
“NO” AL REFERENDUM E AI CONTRATTI-TRUFFA!

A pochi giorni dal referendum costituzionale, ecco le intese per il rinnovo dei contratti dei lavoratori metalmeccanici e del pubblico impiego. Non è un caso.
Il significato politico di questi accordi è l’ennesimo scambio a perdere fra sindacati collaborazionisti, industriali e governo Renzi. La firma dei vertici sindacali su queste intese non è che l’ultimo atto di una manovra volta a smobilitare le lotte, far trionfare la pace sociale e favorire il piano del governo che puntava a chiudere le trattative prima del
referendum per cercare di rastrellare voti fra i lavoratori esausti dopo anni di crisi e blocchi contrattuali.
Siamo di fronte a uno dei peggiori atti di prostituzione sindacale degli ultimi decenni, con il quale i boss riformisti e neocorporativi di Cgil-Cisl-Uil hanno favorito la reazione politica in cambio di nuove fregature per milioni di lavoratrici e lavoratori.
Noi comunisti siamo per la difesa dei Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro, non per usare i CCNL come grimaldelli per ridurre i salari, estendere la miseria, intensificare lo sfruttamento e la divisione dei lavoratori attraverso accordi aziendali “sperimentali” e i
premi di risultato “variabili”, prolungare gli orari e aumentare la flessibilità, penalizzare le malattie e introdurre la sanità integrativa privata per finire di smantellare quella pubblica.
Questa è la fine dei CCNL, non la loro riconquista!
La risposta a questa ennesima svendita – parte integrante della politica di collaborazione con la borghesia - deve essere il NO deciso e di massa delle lavoratrici e dei lavoratori nel referendum del 4 dicembre, così come nelle consultazioni sulle ipotesi di accordo.
Con il NO rifiuteremo assieme alla controriforma costituzionale tutta la politica del Jobs Act e della liquidazione dell’art. 18, della riforma Fornero e dei contratti-truffa, dell’austerità e del neoliberismo che abbiamo subito a causa dello sfacciato collaborazionismo dei vertici sindacali confederali e di categoria.
Rigettiamo i disegni reazionari e antioperai, sosteniamo la lotta per contratti veri, sulla base della difesa intransigente degli interessi della classe operaia e degli altri lavoratori sfruttati. Smascheriamo senza pietà i capi sindacali riformisti come i complici più pericolosi
della politica reazionaria della borghesia dentro il movimento operaio e sindacale.
Lo sviluppo di un ampio movimento di massa, la costruzione di organismi e coordinamenti di fronte unico di lotta degli sfruttati si presentano sempre più come la strada da seguire per aprire la strada a un governo che prenda misure spietate contro i pescecani dell’alta finanza, che faccia ricadere il peso della crisi, del debito, della corruzione, delle tasse,
sulle spalle della borghesia e dei ricchi.
30 novembre 2016

Piattaforma Comunista – per il Partito Comunista del Proletariato d’Italia

http://www.piattaformacomunista.com/
teoriaeprassi@yahoo.it
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
piattaformacomunista piattaformacomunista
 organizzazione politica (Leggi tutti i comunicati)
Roma Italia
piattaformacomunista@gmail.com
Allegati
Non disponibili
LEGA NORD CASTELFRANCO EMILIA - ANDIAMO A VOTARE “NO” AL REFERENDUM COSTITUZIONALE! LEGA NORD CASTELFRANCO EMILIA - ANDIAMO A VOTARE “NO” AL REFERENDUM COSTITUZIONALE!  -  Ormai siamo agli “sgoccioli” di una lunga campagna elettorale e non servono più tante parole. Ci rivolgiamo direttamente a tutti i Cittadini ai quali chiediamo di andare a votare “NO”. L’imbarbarimento e accanimento sui nostri manifesti sia nel Capoluogo che nella…
Referendum costituzionale: le ragioni del nostro NO Referendum costituzionale: le ragioni del nostro NO  -  Attraverso l'intervento di costituzionalisti, professori universitari, giuristi ed avvocati, ha disegnato ed argomentato le ragioni del nostro NO al Referendum sulle modifiche alla Costituzione che si svolgerà probabilmente a Novembre. Di quel Convegno si sono riprodotti gli atti che…
NO AL REFERENDUM COSTITUZIONALE SÌ ALLA COSTRUZIONE DELLO SCIOPERO GENERALE NO AL REFERENDUM COSTITUZIONALE SÌ ALLA COSTRUZIONE DELLO SCIOPERO GENERALE  -  Il Consiglio nazionale confederale dell'Unione Sindacale di Base, riunitosi a Tivoli il 29 maggio scorso, ha deciso di impegnare l'intero sindacato nella campagna sul NO al Referendum costituzionale. Le modifiche che si vogliono apportare alla costituzione, insieme alla…
Cori: Domenico Gallo spiega le ragioni del NO al referendum costituzionale Cori: Domenico Gallo spiega le ragioni del NO al referendum costituzionale  -  Lunedì 4 Luglio, alle ore 18:00, presso l’aula consiliare del Comune di Cori si terrà un incontro pubblico per illustrare alla cittadinanza i motivi per i quali dovrebbero votare NO al referendum costituzionale del prossimo Ottobre. L’iniziativa è organizzata dal ‘Comitato…
Comunicato CONUML sul referendum costituzionale  -  Ai comunisti, ai rivoluzionari, agli operai di avanguardia, alla classe operaia! Il governo Renzi e le forze economiche e politiche che lo sostengono stanno schierando le loro truppe in vista del referendum costituzionale del prossimo autunno. Il bulletto fiorentino, complice la minoranza del PD, ha…
Loading....