AL TEATRO DELL’AQUILA DI FERMO UBU ROI DI ROBERTO LATINI PRIMO APPUNTAMENTO DI “CLASSICO CONTEMPORANEO”

MERCOLEDÌ 30 NOVEMBRE
Bologna, (informazione.it - comunicati stampa - arte e cultura)

AL TEATRO DELL’AQUILA DI FERMO UBU ROI DI ROBERTO LATINI

PRIMO APPUNTAMENTO DI “CLASSICO CONTEMPORANEO”
MERCOLEDÌ 30 NOVEMBRE

Paragonato spesso a Carmelo Bene e Leo De Berardinis, Roberto Latini Premio Ubu 2014 come migliore attore italiano, torna al Teatro dell’Aquila di Fermo mercoledì 30 novembre con Ubu Roi, un lavoro profondo e affascinante di grande impatto visivo, primo appuntamento di Classico contemporaneo, la stagione dedicata alle esperienze più contemporanee promossa – accanto a quella di prosa - dal Comune di Fermo e dall’AMAT in collaborazione con la Regione Marche e il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Con Classico Contemporaneo torna anche Scuola di platea, seguitissimo progetto di introduzione al teatro per gli studenti degli istituti superiori di Fermo promosso dall’AMAT e dal Comune di Fermo. La partecipazione allo spettacolo è solo il momento centrale di un programma che prevede incontri propedeutici e confronti con la compagnia. I seminari preliminari vogliono tracciare alcune linee di lettura dell’opera teatrale attraverso l’ausilio di materiali critici. Le scuole che partecipano al progetto sono il Liceo Classico “Annibal Caro”, il Liceo Scientifico “T. C. Onesti”, l’Istituto d’Arte “Preziotti”, l’Istituto Tecnico Industriale “G. M. Montani”, l’Istituto Tecnico per Geometri “Carducci Galilei”. Gli studenti incontreranno la compagnia al termine dello spettacolo.

Datato 1896, il testo di Ubu Roi è la definizione di un processo di teatralizzazione unica: un gioco scolastico che diventa spettacolo per marionette e poi occasione scenica per riflessioni sulla natura dell'arte teatrale. Attraverso una costante reinterpretazione del Macbeth di Shakespeare, Alfred Jarry apre il Novecento alla "patafisica", la scienza delle soluzioni immaginarie. Quasi un errore imprevisto della letteratura teatrale. Una specie di sbaglio che si è cercato talvolta di relegare appena fuori dal teatro. Il tempo, l’arte intorno all'arte e tutto ciò che è il teatro degli ultimi cent’anni, hanno invece reso possibile ricollocare Jarry tra Pirandello e Beckett, ammettendolo all'assolutezza che gli compete e quindi, come rispondendo ad un reclamo, farci i conti. Ubu Roi è ormai un classico del teatro mondiale, come Edipo o Amleto, capace cioè di superare se stesso e mettersi a disposizione dell'occasione teatro che ogni appuntamento scenico rappresenta.

“Per me, da Jarry inizia il Teatro contemporaneo. Gli Ubu – scrive Roberto Latini nelle note allo spettacolo - sono un’alterazione e una capacità insieme. Dalla loro comparsa sulla scena si può stabilire un punto di non ritorno. E quindi anche di ripartenza, o partenza nuova. Mentre ci si affannava ad accompagnare il Teatro alla vita e a ricomporre tutte le sfumature dei velluti del Teatro intanto borghese, Jarry è riuscito a ricondurci al Teatro, a riconvocarci, proponendo delle figure e una modalità di relazione tra testo e scena assolutamente contemporanei. Ubu apre la strada al Teatro del Novecento. Sono sempre stato convinto che quanto proposto dalla scena difficilmente riesca a stare al passo con i cambiamenti che avvengono in platea. Voglio dire che la velocità di trasformazione, di evoluzione, del pubblico, i gradi, come conquista, della comunicazione e ogni altra relazione che si stabilisce tra lo spettacolo e il pubblico, sono più in avanti di quanto generalmente lo spettacolo riesca a proporre. Jarry, insieme a pochi, pochissimi altri, è riuscito invece a darci un appuntamento dentro il futuro prossimo, spostando il luogo dell’incontro dalla convenzione stabilita alla relazione possibile. La patafisica, o scienza delle soluzioni immaginarie, è una parola che da sola può essere sinonimo di Teatro”.

Lo spettacolo è prodotto da Fortebraccio Teatro, adattato, diretto e interpretato da Roberto Latini con Savino Paparella, Ciro Masella, Sebastian Barbalan, Marco Jackson Vergani, Francesco Pennacchia, Guido Feruglio, Fabio Bellitti. Musiche e suoni sono di Gianluca Misiti, la scena di Luca Baldini, i costumi di Marion D’Amburgo, le luci di Max Mugnai. Il progetto è realizzato con la collaborazione di Teatro Metastasio Stabile della Toscana.


Per informazioni e biglietti (da 5 a 10 euro): biglietteria del Teatro dell'Aquila 0734 284295. Inizio ore 21.

Barbara Mancia

ufficio stampa



Palazzo delle Marche

Piazza Cavour 23 _ 60121 Ancona

+39 335 7756368

T +39 071 2075880 _ F +39 071 54813

www.amatmarche.net
8 allegati
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
Maura Capanni
 RETERICERCA (Leggi tutti i comunicati)
47122 Italia
rete.ricerca@libero.it
Allegati
Non disponibili
Al Teatro A. Bonci di Cesena, ad Aprile 2016, sette appuntamenti d’eccezione: i maestri del teatro italiano e prime visioni Al Teatro A. Bonci di Cesena, ad Aprile 2016, sette appuntamenti d’eccezione: i maestri del teatro italiano e prime visioni  -  Teatro A. Bonci - Cesena Stagione 2015-16 Finale di stagione al Bonci. Ad aprile i maestri del teatro italiano e prime visioni: Una regia di Luca Ronconi, Luigi Lo Cascio diretto da Tiezzi, Fabrizio Gifuni e la…
Intervista Roberto Scarfo’ cantautore e poeta contemporaneo Intervista Roberto Scarfo’ cantautore e poeta contemporaneo  -  Roberto Scarfò classe 74′ poeta contemporaneo,autore e compositore ha iniziato a scrivere le sue prime canzoni all’età di 18 anni. La sua passione per la musica e per la scrittura gli hanno dato la possibilità di potersi esprimere in diverse manifestazioni di musica e di poesia che…
Loading....