Diabete 1 e 2, i due volti di un’emergenza sociale: pari al 10% l’impatto sulla spesa sanitaria

“Non lasciare soli” i pazienti affetti da diabete 1 e 2 e aiutarli nella gestione quotidiana di questa patologia, che in Italia colpisce oltre 3 milioni di persone, circa il 5,4% della popolazione: è l’impegno richiesto a specialisti, decisori, Servizio sanitario per prevenire e ridurre le complicanze associate al diabete, che portano quasi sempre a ricoveri, principale capitolo di spesa per questa malattia, che assorbe il 10% della spesa sanitaria
Roma, (informazione.it - comunicati stampa - salute e benessere) È una vera e propria pandemia, quella del diabete, con circa 400 milioni di pazienti diagnosticati nel mondo, un numero imprecisato di casi sommersi e un incremento delle diagnosi stimato del 20% entro il 2030. Un’emergenza sociale e sanitaria anche per l’Italia, dove si stimano oltre 3 milioni di pazienti. Nel nostro Paese il diabete assorbe il 10% della spesa sanitaria (Osservatorio ARNO 2015), costi legati per oltre il 50% alle ospedalizzazioni rese necessarie dalle complicanze, che determinano ogni anno 12.000 ricoveri per 100.000 pazienti.
Le importanti innovazioni terapeutiche degli ultimi anni, insieme alla diagnosi precoce, sono elementi cruciali per controllare meglio le complicanze, ma è altrettanto importante favorire un cambiamento di rotta da parte dei pazienti affinché imparino a gestire quotidianamente la patologia attraverso l’aderenza alla terapia e l’adozione di stili di vita adeguati. Specialisti, decisori, associazioni, mass media non devono “lasciare soli” i pazienti diabetici e devono capire il drammatico impatto che hanno tanto il diabete di tipo 1, che cambia il corso della vita di bambini e adolescenti, quanto quello di tipo 2, che insorge in età adulta ed è spesso associato ad altre patologie.
È questo il tema del Corso di Formazione Professionale “I due volti del diabete. Raccontare la patologia oggi tra innovazione, sostenibilità e bisogni del paziente”, promosso dal Master della Sapienza Università di Roma ‘La Scienza nella Pratica Giornalistica’, con il supporto di Eli Lilly.
«Il diabete è un’emergenza socio-sanitaria che mette a rischio la sostenibilità dei sistemi economici, al punto che l’ONU ha considerato questa patologia una minaccia per tutte le società, inclusi i Paesi in via di sviluppo dove il paziente si presenta al medico già con le complicanze, cui sono associati nei Paesi occidentali il 60-70% dei costi diretti – dichiara Francesco Dotta, Direttore U.O. di Diabetologia, Dipartimento di Medicina Interna, Endocrinologia e Metabolismo del Policlinico “Le Scotte”, Università di Siena – occorre una strategia forte di prevenzione primaria improntata a correggere lo stile di vita e la dieta ma volta anche ad ottenere una diagnosi precocissima, con screening della popolazione a rischio: persone sopra i 45 anni con più di un fattore di rischio (obesità, ipertensione, ipercolesterolemia) e con un diabetico in famiglia».
Il diabete di tipo 2 è una malattia complessa e complesso è il suo trattamento che con il passare degli anni di malattia si evolve passando da una terapia orale alla terapia iniettiva, da una terapia combinata alla politerapia. Il trattamento del diabete di tipo 1 si basa sulla terapia insulinica con iniezioni giornaliere multiple o con infusione sottocutanea continua. L’obiettivo è normalizzare i valori glicemici e di emoglobina glicata e ridurre quanto più possibile le ipoglicemie, in particolare quelle notturne.
«Nel diabete di tipo 1 ad insorgenza giovanile le nuove terapie, insieme ad una diagnostica meno invasiva, hanno migliorato la qualità di vita dei pazienti: il monitoraggio della glicemia con la puntura al dito è ormai obsoleto, il paziente collabora di più, conosce la sua patologia, si verificano meno ipoglicemie e si riesce ad aggiustare la terapia insulinica – afferma Paolo Pozzilli, Professore Ordinario di Endocrinologia, Direttore U.O.C. di Endocrinologia e Diabetologia, Università Campus Biomedico di Roma – un’ampia gamma di insuline, tra cui le insuline biosimilari, permettono un controllo ottimale, rispetto a solo qualche anno fa, grazie al quale si riesce a prevenire le complicanze. Anche nel diabete di tipo 2 l’armamentario terapeutico è sempre più articolato: danno buone risposte i nuovi farmaci come gli analoghi GLP-1 che sono efficaci e vengono somministrati sottocute una volta a settimana; ci sono poi i farmaci glicosurici che favoriscono l’eliminazione del glucosio, in compresse, estremamente efficaci nel ridurre l’emoglobina glicata e la mortalità».
L’impatto del diabete di tipo 2 è aggravato dalla circostanza che spesso il paziente diabetico è afflitto da almeno due, tre patologie associate e, dopo alcuni anni di malattia non controllata, da complicanze più o meno severe. Fondamentali, quindi, la gestione integrata della malattia, una rigorosa appropriatezza prescrittiva per ottenere i maggiori benefici clinici ed evitare spreco di risorse, ma anche una scrupolosa aderenza alla terapia da parte del paziente, che può evitare o ridurre le complicanze.
«A monte di tutto questo però va riaffermato il diritto del paziente di poter fruire delle cure migliori insieme al fatto che, per garantire equità, servono risorse umane, economico-finanziarie, organizzative e tecnologiche – osserva Dario Sacchini dell’Istituto di Bioetica e Medical Humanities, Facoltà di Medicina e Chirurgia”, Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma – l’idea di una sanità che dà tutto a tutti è fuorviante, bisogna assicurare la cura giusta al paziente giusto, e il SSN deve vigilare affinché l’equità di accesso sia concretamente garantita, e deve verificare l’innovazione, perché non tutto è innovativo».
Per essere protagonista del proprio percorso di cura, il paziente è chiamato ad aderire scrupolosamente alle prescrizioni terapeutiche ma anche a controllare il proprio stile di vita, la dieta e la terapia. Uno sforzo che deve essere sostenuto dal Servizio sanitario, dai medici, dalla famiglia considerando l’impatto anche psicologico che hanno le complicanze. «Alcuni studi dimostrano come un diabetico su due si senta abbandonato dal SSN mentre un paziente su tre si sente depresso – sottolinea Gianni Lamenza, Presidente dell’Associazione Diabete Italia – i bisogni primari del diabetico giovane e adulto sono di carattere sanitario e sociale: al primo posto la consapevolezza e la responsabilizzazione indispensabili per permettere al paziente di condurre una vita senza restrizioni e gestire la malattia scongiurando il rischio di complicanze; poter contare su un contesto famigliare e sociale che lo accolgano e ne favoriscano l’inclusione. Fondamentali sono il tempo e la professionalità messi a disposizione dagli operatori sanitari, che devono educare il paziente a gestire la propria malattia; infine, occorre un “medico istruttore più che prescittore”, requisito essenziale insieme all’accesso a farmaci e tecnologie innovativi».
Le Associazioni dei pazienti oggi lavorano affinché ogni diabetico possa avere le cure migliori e al tempo stesso si impegni a mantenere un’aderenza ottimale alle terapie prescritte. «Non ci possono essere diritti senza doveri. Spesso i diabetici reclamano i primi dimenticando i secondi – asserisce Rita Lidia Stara, Presidente Diabete Forum – il paziente ha diritto ad accedere alle cure ma ha il dovere di curarsi; il paziente che non si cura crea un grosso problema a se stesso e alla collettività. Non aderire ad un percorso terapeutico significa sottrarre risorse necessarie ad altri malati e provoca un danno incommensurabile verso se stessi e verso la propria famiglia. Il lavoro che noi come Associazione dobbiamo fare d’ora in avanti è quello di adottare strategie per recuperare quante più persone possibile alla responsabilità e alla consapevolezza della propria malattia per sviluppare empowerment verso se stessi e gli altri. Basta rivendicare. È tempo di non subire più questa pandemia con rassegnazione. Il diabete è una malattia controllabile. Il sogno delle Associazioni, di smettere di curare il diabete, è realizzabile».
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
Alessandra Sidoti
 Pro Format Comunicazione (Leggi tutti i comunicati)
(Roma) Italia
ufficiostampa@proformat.it
Allegati
Non disponibili
Diabete: IDegLira migliora il controllo del diabete e riduce il peso corporeo rispetto all’insulina glargine  -  IDegLira (Xultophy®), una combinazione di insulina degludec e liraglutide a singola somministrazione iniettiva giornaliera, si è dimostrata più efficace nella riduzione di emoglobina glicata (HbA1c), peso corporeo e tasso di ipoglicemie…
MALATTIE ENDOCRINE – L’IPOTIROIDISMO È UN FATTORE DI RISCHIO PER LO SVILUPPO DI DIABETE  -  L’ipotiroidismo lieve, anche in assenza di sintomi, aumenta del 13% la probabilità di sviluppare diabete di tipo 2. Il rischio aumenta fino al 40% in persone con ridotta funzionalità tiroidea e già affette da pre-diabete. Il legame tra le due più comuni patologie…
PESCE IN TAVOLA UNA VOLTA ALLA SETTIMANA PER RIDURRE IL RISCHIO DI SVILUPPARE IL DIABETE PESCE IN TAVOLA UNA VOLTA ALLA SETTIMANA PER RIDURRE IL RISCHIO DI SVILUPPARE IL DIABETE  -  Mangiare in modo vario ed equilibrato, includendo con regolarità alimenti come il pesce, può fare la differenza per evitare lo sviluppo del diabete, patologia a cui è dedicata la Giornata Mondiale della Salute che ricorre oggi.In particolare, secondo l'indagine…
Le organizzazioni perdono in media 122 milioni di dollari per ogni miliardo speso in progetti Le organizzazioni perdono in media 122 milioni di dollari per ogni miliardo speso in progetti  -  La relazione 2016 Pulse of the Profession®: The High Cost of Low Performance (Pulse of the Profession®: l'alto costo delle basse performance), a cura del Project Management Institute (PMI), mette in luce che le organizzazioni di tutto il mondo sprecano…
Gli italiani lasciano il Bel Paese: quasi un milione gli emigrati degli ultimi 10 anni  -  Se la matematica ed i numeri non sono un’opinione il Rapporto del Centro studi ImpresaLavoro, realizzata su elaborazione di dati Eurostat non lascia spazio a dubbi: la crisi inverte i flussi migratori e l’Italia da Paese dell’immigrazione sta diventando Paese non…
Loading....