19 milioni di automobilisti italiani hanno commesso infrazioni nello scorso anno: limiti di velocità, uso del cellulare e mancata distanza le più comuni

Molte ore della nostra settimana le passiamo in macchina, ma non sempre guidiamo con la dovuta attenzione: secondo un’indagine commissionata da Facile.it a mUp Research, lo scorso anno sono oltre 19 milioni (equivalenti al 56% dei patentati) gli italiani che hanno commesso infrazioni al codice della strada, mettendo a rischio la propria sicurezza e quella degli altri.
http://www.facile.it
Milano, (informazione.it - comunicati stampa - società) Molte ore della nostra settimana le passiamo in macchina, ma non sempre guidiamo con la dovuta attenzione: secondo un’indagine* commissionata da Facile.it (http://www.facile.it/assicurazioni-auto.html) a mUp Research, lo scorso anno sono oltre 19 milioni (equivalenti al 56% dei patentati) gli italiani che hanno commesso infrazioni al codice della strada, mettendo a rischio la propria sicurezza e quella degli altri.
Quasi 10 milioni di individui (equivalenti al 29% del campione intervistato) dichiarano di non aver rispettato i limiti di velocità, facendo di questa la regola più ignorata del codice della strada. La seconda fra le infrazioni più comuni è forse uno dei comportamenti più distintivi del nostro tempo: 6.8 milioni di automobilisti (il 20% del campione) ha confessato di aver parlato al cellulare, durante la guida, senza vivavoce o auricolare. Rimanendo in ambito “telefonico”, vanno evidenziati anche i 2.8 milioni di individui che, pur impegnati nella guida, hanno mandato messaggi WhatsApp, SMS o email e i 947.000 che controllavano o aggiornavano i loro profili sui social network mentre erano al volante.
Quasi identiche, rispettivamente 14% e 13%, le percentuali degli automobilisti che non si sono curati della distanza di sicurezza e di chi, complice la fretta, ha parcheggiato in sosta vietata.
19 milioni di automobilisti italiani hanno commesso infrazioni nello scorso anno: limiti di velocità, uso del cellulare e mancata distanza le più comuni
Nonostante la connessione fra l’uso delle cinture di sicurezza e la possibilità di ridurre la gravità dei sinistri, quasi 3.4 milioni di italiani dichiarano di non averle usate, almeno qualche volta.
Scarso appare il rispetto dei pedoni, cui hanno negato la precedenza 2.5 milioni di automobilisti, mentre i tempi sempre più sincopati delle nostre giornate hanno spinto 2.6 milioni di italiani a mangiare mentre guidavano, il tutto con evidenti problemi di distrazione.
Due milioni di individui (1.921.000, equivalenti al 6% del campione intervistato) sono passati col rosso, mentre 342.000 italiani dichiarano di aver guidato sotto effetto di alcol o stupefacenti; sono 184.000 le donne che ammettono di essersi truccate mentre guidavano.
Ciascuno dei 19.200.000 di individui che dichiarano di non aver rispettato le regole del codice della strada ha in media compiuto 1,85 infrazioni: nel 47% dei casi, però, non sono mai stati sanzionati.
Dividendo i numeri per tipologia di conducente e area geografica emerge che hanno commesso infrazioni il 60% del campione maschile ed il 53% di quello femminile e che fra i più giovani (campione 18-34 anni), l’invio di messaggi mentre si guida diventa la terza fra le infrazioni più comuni. Il numero medio di infrazioni commesse è massimo al Centro Italia (2,02), ma è al Sud e nelle Isole che distrazione e comportamenti scorretti si trasformano più spesso in incidenti: qui il 7% degli intervistati ha avuto incidenti, più del triplo, ad esempio, di quello che è accaduto nel Nord Est, dove sono stati coinvolti in incidenti stradali solo il 2% dei conducenti.
«Il nostro comportamento alla guida - ha dichiarato Mauro Giacobbe, Amministratore Delegato di Facile.it - è una variabile su cui possiamo agire con efficacia. Da anni si discute di come i comportamenti virtuosi possano essere premiati nel calcolo delle tariffe RC auto e la diffusione sempre più massiccia delle cosiddette scatole nere è un elemento per lavorare in questa direzione».

*indagine condotta da mUp Research per Facile.it a febbraio 2016 su un campione di 1.292 adulti in età 18 anni ed oltre, patentati auto, moto od entrambi, rappresentativo della popolazione italiana patentata per sesso, età, area geografica, ampiezza del comune di residenza. Le interviste sono state condotte online tramite somministrazione di un questionario strutturato via CAWI.
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Ufficio Stampa
Andrea Polo
Facile.it
(Milano) Italia
ufficiostampa@facile.it
Gli italiani lasciano il Bel Paese: quasi un milione gli emigrati degli ultimi 10 anni  -  Se la matematica ed i numeri non sono un’opinione il Rapporto del Centro studi ImpresaLavoro, realizzata su elaborazione di dati Eurostat non lascia spazio a dubbi: la crisi inverte i flussi migratori e l’Italia da Paese dell’immigrazione sta diventando Paese non…
Il 19 ottobre tornano i lunedì del Jazz Club Ferrara con i MOUNTAIN MEN, duo rivelazione delle scorse edizioni di Umbria Jazz  -  Tornano in veste rinnovata gli esplosivi lunedì del Jazz Club sotto la sigla Monday Night Raw. Mutuato dal colorito vocabolario del wrestling americano, l’appellativo conduce l’immaginario verso un autentico ring musicale sul…
E’ un’azienda italiana ad aggiudicarsi la commessa per la sopraelevazione del pavimento industriale del più grande aeroporto del mondo. E’ un’azienda italiana ad aggiudicarsi la commessa per la sopraelevazione del pavimento industriale del più grande aeroporto del mondo.  -  Il Dott. Antimo Riccardo Albertini presidente della Daliform Group, ha firmato l’accordo direttamente con “Istanbul Grand Airport”, il consorzio dei cinque contractor-leader turchi, concessionario della costruzione…
Tre mega commesse in Russia e Germania portano Nidec Asi all’attenzione dell’industria internazionale Tre mega commesse in Russia e Germania portano Nidec Asi all’attenzione dell’industria internazionale  -  Grazie ad un forte sviluppo commerciale, che fa leva su commesse molto importanti, Nidec ASI la multinazionale con Headquarter a Milano, cresce, amplia e riorganizza le proprie attività in Italia e nel mondo. L’azienda, che offre soluzioni…
HCL ottiene da Alstom una commessa globale di trasformazione IT HCL ottiene da Alstom una commessa globale di trasformazione IT  -  HCL Technologies, fornitore di spicco di servizi IT su scala globale, ha annunciato oggi un nuovo accordo di collaborazione in materia di infrastrutture IT con Alstom, azienda leader su scala globale nella fornitura della più completa gamma di sistemi, attrezzature e servizi nel…
Loading....