Utente: Anonimo

Asl Roma D - Dominici (Uil Fpl di Roma ): Occorrono 25 ausiliari socio Sanitari per garantire i servizi minimi assistenziali

Invitiamo le Istituzioni e la Direzione Generale dell’Asl Roma D a valutare seriamente l’ipotesi di assumere 25 ausiliari Socio Sanitari per garantire i servizi minimi assistenziali in questa ASL.
Roma, 30/12/2010 (informazione.it - comunicati stampa - politica e istituzioni) Invitiamo le Istituzioni e la Direzione Generale dell’Asl Roma D a valutare seriamente l’ipotesi di assumere 25 ausiliari Socio Sanitari per garantire i servizi minimi assistenziali in questa ASL. E’ quando dichiarano in una nota congiunta il Segretario Provinciale della Uil fpl di Roma Paolo Dominici ed il Delegato Aziendale della Uil Fpl nell’Asl Roma D Giuseppe Conforzi.
Attualmente, a macchia di leopardo, ci risultano scoperti circa il 30- 40% dei turni, una volta nel reparto di Medicina, una volta nel reparto di Radiologia e via discorrendo con altri importanti reparti. I servizi vengono garantiti con grande difficoltà verificandosi episodi ove si assiste a situazioni estreme: dalle capo sala che trasportano i malati o vanno personalmente in farmacia con i carrelli per caricare i farmaci; ai pazienti interni ai quali si effettuano gli esami radiografici con enormi ritardo di esecuzione o peggio, non vengono visitati affatto perché manca il personale necessario al trasporto degli stessi i reparti di radiologia. Stiamo inoltre assistendo – proseguono Dominici e Conforzi - ad ordini di servizio per il prolungamento dell’orario nei confronti delle poche “unita' ausiliarie” presenti nei reparti o assistiamo allo spostamento continuo dello stesso personale ausiliario, durante il turno di servizio, nello stesso giorno, per tamponare le situazioni in emergenza che avvengono con molta frequenza. Infine si deve menzionare anche l'aumento, inevitabile, degli infortuni che il personale in questione si procura a causa degli intollerabili carichi di lavoro e la impossibilità di fruire delle ferie a causa delle problematiche sopra menzionate.
La nostra – concludono i sindacalisti – vuole essere una richiesta costruttiva, prendendo al balzo il segnale positivo nato in occasione del recente accordo con le OO.SS e la Regione Lazio in merito alla proroga dei contratti a tempo determinato per i precari, al fine di porre rimedio ad una situazione che con il tempo nell’Asl Roma D può anche peggiorare.

Paolo Dominici
Segr.Provinciale Uil Fpl Roma

Giuseppe Conforzi
Rsu Aziendale Uil Fpl Asl Roma D
Ufficio Stampa
Dott. Pietro Bardoscia
Indipendente
Italia
igor1978@hotmail.it
Allegati
Non disponibili