DIRITTI RIPRODUTTIVI A RISCHIO PER 350 MILIONI DI DONNE NEL MONDO. RIDURRE LA MORTALITÀ MATERNA DIVENTI UNA PRIORITÀ PER I GOVERNI

Roma, 24 giugno 2010 – AIDOS, Amnesty International, Partnership for Maternal, Newborn and Child Health, Save the Children e SIGO: “La pianificazione familiare è essenziale per il benessere e l’emancipazione femminili
Roma, (informazione.it - comunicati stampa - salute e benessere) A 350 milioni di donne nel mondo viene negata la possibilità di esercitare i propri diritti sessuali e riproduttivi. I risultati? È a rischio la loro salute ma non solo, anche il benessere e l’autonomia. Il livello di allerta è alto, si stima che le complicazioni legate alla gravidanza costino la vita ogni anno a circa 350.000 donne e che 14 milioni di adolescenti partoriscano ogni anno, il 90% nei paesi in via di sviluppo. Per loro il rischio di decesso è doppio rispetto alle adulte. La soluzione esiste: “serve un impegno condiviso da parte dei singoli Stati per creare servizi di pianificazione familiare di qualità, economicamente sostenibili, accettabili e accessibili a tutti coloro che li necessitano e li desiderano”.
Lo affermano cinque fra le più autorevoli associazioni italiane che chiedono al Presidente Berlusconi, in partenza per il G8 di Huntsville, di farsi portavoce perché “la riduzione della mortalità materno infantile diventi una priorità per i governi”.
Firmatari dell’appello sono AIDOS, Amnesty International, Partnership for Maternal, Newborn and Child Health, Save the Children e la Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO). La lettera, indirizzata anche al Ministro degli Esteri, on. Franco Frattini, sottolinea come l’obiettivo di sviluppo del millennio sulla salute materna (Osm 5) rimanga il più sottovalutato. “L’accesso universale a informazioni e servizi completi sulla salute sessuale e riproduttiva è fondamentale – dicono le associazioni -. Un approccio globale, che comprenda l’accesso alla pianificazione familiare e alla contraccezione è quindi cruciale per affrontare il problema della mortalità e della morbilità materne. In questo contesto – aggiungono - sollecitiamo il Governo italiano e tutti gli stati membri del G8 a includere la pianificazione familiare e la contraccezione nell’ordine del giorno del Vertice che inizierà domani”.
In occasione del recente Forum economico mondiale di Davos, il Governo del Canada ha infatti annunciato che vi sarà un punto in discussione relativo alla salute materno-infantile. Ma non è stato ancora chiarito se si affronterà anche nello specifico il tema della pianificazione familiare.
Allegati
Non disponibili
Voci per la Libertà sostiene 
la campagna di Amnesty International contro la mortalità materna
Voci per la Libertà sostiene la campagna di Amnesty International contro la mortalità materna  -  Dal 21 novembre al 12 dicembre, con un semplice SMS al numero 45506 puoi aiutare Amnesty nella sua campagna mondiale per fermare questa tragedia
GRAVIDANZE INDESIDERATE: PIÙ A RISCHIO OBESE E SEDENTARIE
GRAVIDANZE INDESIDERATE: PIÙ A RISCHIO OBESE E SEDENTARIE  -  Lo sport protegge la salute sessuale e riproduttiva. 15 grandi nomi testimonial a fianco dei medici per sensibilizzare le giovanissime con un volumetto e il blog “Scegli tu… di vincere”
LA SIGO: “SI PROCEDA SENZA DEROGHE”. I GINECOLOGI SPIEGANO ALLE DONNE COME RICONOSCERE LA QUALITÀ  -  Verranno riconvertiti i centri con meno di 1000 parti l’anno, già le prime resistenze. Il prof. Surico: “Noi essenziali per far comprendere che una struttura qualificata vale qualche disagio logistico”
STUDENTI.IT E SIGO INSIEME PER PROMUOVERE SESSO SICURO TRA I RAGAZZI  -  Studenti.it lancia la nuova sezione Educazione sessuale realizzata in collaborazione con SIGO -Società Italiana Ginecologia e Ostetricia per offrire ai giovani risposte competenti su salute riproduttiva e contraccezione. Più di 100.000 le pagine viste in pochi giorni.
50.000 ITALIANE L’ANNO SOFFRONO DI DEPRESSIONE POST PARTUM  -  Il prof. Giorgio Vittori: “Bisogna cogliere per tempo i campanelli d’allarme, i ginecologi sono importanti sentinelle”. Strade Onlus: “Ogni 12 mesi almeno 1.000 donne potrebbero aver bisogno di questo intervento imposto”
Loading....