Marco Carra: Salva il suolo: ancora una settimana per firmare la petizione

In Italia la raccolta firme è parte della campagna #SALVAILSUOLO, promossa da una task force di associazioni tra cui Acli, Arci, Coldiretti, FAI, Istituto Nazionale di Urbanistica, Legambiente, LIPU, Slow Food, Touring Club Italiano, WWF.
Milano, (informazione.it - comunicati stampa - società) Ancora una settimana per chiedere all’Europa una legge che preservi il suolo dal crescente degrado e ci protegga da nuove catastrofi. C’è tempo fino al 12 settembre per firmare l’appello di People4Soil, la più grande iniziativa sostenuta dalle principali associazioni italiane ed europee a tutela di ambiente e cittadini. Si può aderire anche online, compilando con i dati del proprio documento di identità il modulo di firma sul sito www.salvailsuolo.it.
Si firma per chiedere lo stop alla cementificazione, all’abusivismo e alla costruzione di ecomostri; per impedire che l’ennesimo evento naturale si trasformi in sciagura; per un più efficace contrasto all’avvelenamento della terra e alla nascita di discariche tossiche: in definitiva contro il degrado del suolo, che ha pesanti ripercussioni economiche e sociali su scala globale.
Si tratta infatti di una vera e propria emergenza per l’Europa, ma è una battaglia ancor più cruciale per il nostro Paese, dove maltempo ed eventi naturali intrecciano tragicamente i loro effetti con l’abusivismo edilizio e la cementificazione selvaggia ai danni di un territorio vulnerabile.
A livello europeo l’iniziativa è promossa da People4Soil, la rete europea di 550 Ong, istituti di ricerca, associazioni di agricoltori e gruppi ambientalisti, rete sviluppatasi per promuovere un’Iniziativa dei cittadini europei (ICE) volta ad introdurre una legislazione specifica sul suolo in Europa. In Italia la raccolta firme è parte della campagna #SALVAILSUOLO, promossa da una task force di associazioni tra cui Acli, Arci, Coldiretti, FAI, Istituto Nazionale di Urbanistica, Legambiente, LIPU, Slow Food, Touring Club Italiano, WWF.
Marco Carra: Salva il suolo: ancora una settimana per firmare la petizione
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
Marco Carra
 Avvocato (Leggi tutti i comunicati)
(Milano) Italia
marco.carra@consiglio.regione.lombardia.it
Allegati
Marco Carra all'assemblea nazionale di ACT Italia (associazione campeggiatori) Marco Carra all'assemblea nazionale di ACT Italia (associazione campeggiatori)  -  Ho portato volentieri un saluto all' assemblea che si è svolta a Mantova. Credo sia importante il turismo sostenibile. Infatti le forme di turismo proposte ai propri soci dai Club affiliati alla Federazione devono responsabilmente essere attuate secondo principi di…
Marco Carra: promuovere e favorire i parti senza dolore Marco Carra: promuovere e favorire i parti senza dolore  -  La Regione si impegna a promuovere la diffusione dei parti senza dolore, con epidurale. Questo il senso di un ordine del giorno di cui è prima firmataria Sara Valmaggi, approvato in aula durante la sessione di bilancio. Dal 2014 la Regione prevede che se gli ospedali raggiungono l'obiettivo di…
Marco Carra: modifiche alla legge lombarda sul consumo di suolo Marco Carra: modifiche alla legge lombarda sul consumo di suolo  -  Se siamo stati chiamati a discutere questa modifica è per sancire il fallimento della legge sul consumo di suolo tanto declamata da Maroni e dai suoi. Lo sapevamo che sarebbe finita così e lo avevamo denunciato per tempo, perché quella legge era basata su di un modello di sviluppo ormai…
Marco Carra: consumo di suolo, in Commissione il Piano Regionale Marco Carra: consumo di suolo, in Commissione il Piano Regionale  -  La commissione Territorio ha iniziato la trattazione del Piano territoriale regionale, o meglio, della sua integrazione prevista dalla legge sul consumo di suolo approvata a fine novembre 2014. L'iter si concluderà ragionevolmente entro fine estate anche se, e non è un problema da…
Marco Carra: consumo di suolo, cambia la legge Marco Carra: consumo di suolo, cambia la legge  -  Tra poche settimane i comuni lombardi potranno variare i loro PGT riducendo le aree edificabili. Potranno fare anche altre variazioni, ma senza aumentare le superfici edificabili rispetto a quanto previsto finora: dovranno mantenere il bilancio del consumo di suolo inferiore o uguale a zero. È questo…
Loading....
Informazione.it - Notizie a Confronto
Comunicati Stampa