Utente: Anonimo

Giudici di Pace: proclamazione dello sciopero nazionale dal 21 novembre al 2 dicembre 2011

E' su queste premesse che l'Unione Nazionale dei Giudici di Pace ha indetto lo sciopero nazionale dal 21 novembre al 2 dicembre 2011
lecce, 14/11/2011 (informazione.it - comunicati stampa - politica e istituzioni) Senza la normalizzazione e la legalizzazione della condizione della magistratura di pace, con 700 giudici di pace già in scadenza definitiva del mandato il 31 dicembre prossimo, ed i restanti 1600 giudici di pace in scadenza nei successivi 2 anni, si arriverà nei prossimi mesi alla completa paralisi degli uffici ed all'impossibilità di garantire l'assolvimento dei loro compiti istituzionali, con particolare riferimento alla inesigibilità delle espulsioni ed alla improcedibilità dei reati di immigrazione clandestina con gravissime ripercussioni sull'ordine pubblico per l'intero Paese e sulla sicurezza dei cittadini.
E' su queste premesse che l'Unione Nazionale dei Giudici di Pace ha indetto lo sciopero nazionale dal 21 novembre al 2 dicembre 2011, per la durata massima consentita dal codice di autoregolamentazione e con riferimento a tutte le attività dei giudici di pace (udienze civili e penali, decreti ingiuntivi, fissazioni udienze per sanzioni amministrative e tutti i provvedimenti riguardanti gli immigrati clandestini).
Lo rende noto Giovanni D’Agata componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori e fondatore dello “Sportello dei Diritti”.
Ufficio Stampa
giovanni d'agata
provincia di lecce
via belluno
73100 lecce (Lecce) Italia
dagatagiovanni@virgilio.it
3889411240