Utente: Anonimo

Il "Complexions Contemporary Ballet" in programma al Teatro BONCI di Cesena il 18 febbraio 2011

Traendo ispirazione dalla situazione politica e sociale, il Complexions Contemporary Ballet ha sempre rivolto la propria attenzione alle condizioni di vita dell´uomo e all’esplorazione di tutta la gamma delle emozioni umane.
Forlì, 14/02/2011 (informazione.it - comunicati stampa - arte e cultura)

Il "Complexions Contemporary Ballet" in programma al Teatro BONCI di Cesena il 18 febbraio 2011, ore 21,00-.

------------------------------------------
Il programma di Aterdanza porta sul pacoscenico del Bonci di Cesena il Complexions Contemporary Ballet, compagnia creata da Dwight Rhoden e Desmond Richardson dopo un´esperienza nella compagnia di Alvin Ailey.
-----------------------------
I due direttori artistici condividono un atteggiamento culturale di grande ammirazione ed attenzione nei confronti delle diversità e delle varie culture attraverso la danza, ed è anche per questo che la Compagnia è formata da danzatori molto diversi fra loro per età, per fisico, per appartenenze culturali o etniche.

---------------------------------------------

Traendo ispirazione dalla situazione politica e sociale, il Complexions Contemporary Ballet ha sempre rivolto la propria attenzione alle condizioni di vita dell´uomo e all’esplorazione di tutta la gamma delle emozioni umane. Si tratta di un gruppo che è divenuto nel tempo simbolo ed espressione dell’amore per la molteplicità, in tutta la sua bellezza, e dell´inesauribile desiderio dell´uomo di spingersi al di là dei propri limiti.
-------------------------------------------
Il suo scopo è quello di riflettere e condividere l’intensità, la libertà e l’energia del nostro tempo, coniugando, nelle sue rappresentazioni, sistemi di comunicazione assai diversi tra di loro: film, televisione, improvvisazione, moda, fotografia, poesia, teatro, danza metropolitana di strada e cultura pop. Questi elementi, raggruppati tra loro, costituiscono un messaggio in grado di coinvolgere profondamente la personalità di ciascun ballerino e l’emozione collettiva del pubblico.

I danzatori del Complexion Contemporary Ballet rappresentano un microcosmo dell’unità globale e il loro intento artistico è quello di riflettere ed esprimere posizioni sugli sbocchi politici, sociali ed emotivi che attengono non solo alla propria generazione, ma anche a tutte le altre, in una prospettiva senza tempo e universale. L’elemento fondamentale di questo processo creativo è incentrato sulla crescita artistica e spirituale dei singoli individui.


------------------------------------------------------------

Note sul programma:

Mercy (2009)
Attraverso l´astrazione della danza Mercy rappresenta le passioni e i valori del genere umano, con il desiderio di trovarne i caratteri di grazia e stabilità.
Si parte da una domanda: "Che cosa deve raggiungere l´umanità per trovare sollievo?" Libertà, senso del sacro, perdono, tolleranza, indignazione e pietà si incarnano nei singoli gesti e nelle forme corali, in una tensione al progresso senza violenza che è, senza dubbio, la sfida del mondo contemporaneo.
--------
Hissy Fits (2006)
Coreografia di grande tensione scritta per 11 danzatori, Hissy Fits cattura l´emozione e l´impulso irrazionale che sono alla base di tutte le relazioni umane.
----------
Rise (2008)
I brani degli U2, divenuti l´inno di un´intera generazione, sono la colonna sonora di un viaggio emotivo: con l´energia euforica dei movimenti, Rise invita il pubblico a credere ancora una volta nella forza dell´amore.
Ulteriori Informazioni
Giancarlo Garoia
RETERICERCA

retericerca@libero.it
Allegati
Non disponibili
COMUNICATI WIDGET
Pubblica liberamente i comunicati di Informazione.it sul tuo sito. SCOPRI COME...