Asia Bibi

La sentenza è stata emessa nel 2010 da una corte del distretto pakistano di Nankana, nella provincia centrale del Punjab. In Pakistan la blasfemia è un reato punibile con la condanna a morte.
La vicenda risale al 14 giugno 2009. Asia Naurīn Bibi è una lavoratrice agricola a giornata. Quel giorno è impegnata nella raccolta di alcune bacche. Scoppia un diverbio con le lavoratrici vicine, di religione musulmana. A lei era stato chiesto di andare a prendere dell'acqua. Ma un gruppo di donne musulmane l'avrebbe respinta sostenendo che Asia, in quanto cristiana, non avrebbe dovuto toccare il recipiente. Il 19 giugno, le donne denunciano Asia Bibi alle autorità sostenendo che, durante la discussione, avrebbe offeso Maometto. Picchiata, chiusa in uno stanzino, stuprata, è infine arrestata pochi giorni dopo nel villaggio di Ittanwalai, nonostante contro di lei non ci sia nessuna prova. Viene condotta nel carcere di Sheikhupura. (fonte: Wikipedia)

Pakistan, rinviato il verdetto per Asia Bibi

L’attesa non è finita. C’è un nuovo ostacolo sul sentiero della lunga e complessa vicenda giuridica di Asia Bibi, la donna cristiana condannata a morte per blasfemia. Il processo, giunto davanti alla Corte Suprema del Pakistan, terzo e ultimo grado di giudizio, richiede ancora del tempo: la sezione penale di Islamabad ha rinviato l'udienza prevista... (La Stampa - 57 giorni fa) Leggi | Commenta

Pakistan, per Asia Bibi pena sospesa e riesame del caso

Iniziato il processo davanti alla Corte Suprema, terzo e ultimo grado di giudizio. Restano vive le speranze per la donna cristiana condannata a morte per blasfemia. di Paolo Affatato Vatican Insider - Il primo passo è compiuto. Il ricorso di Asia Bibi, la donna cristiana condannata a morte in Pakistan per... (La Perfetta Letizia - 23 luglio 2015) Leggi | Commenta
Loading....