Banca d'Italia

La Banca d'Italia, giornalisticamente nota anche come Bankitalia, è la banca centrale della Repubblica Italiana, parte integrante dal 1998 del sistema europeo delle banche centrali (SEBC).
La Banca d'Italia è un istituto di diritto pubblico come stabilito dalla legge bancaria del 1936 e dallo stesso statuto all'articolo 1, 1 comma, e come ribadito anche da una sentenza della Corte suprema di cassazione.
Le quote nominative di partecipazione al suo capitale sociale sono al 2014 per il 94,33% di proprietà di banche e assicurazioni private e per il 5,66% di enti pubblici (INPS e INAIL).
La sede centrale della Banca d'Italia è nel Palazzo Koch a Roma, con sedi secondarie e succursali in tutta Italia. L'attuale governatore è Ignazio Visco, nominato il 20 ottobre 2011.
La Convenzione per la formazione della Banca d'Italia ed il suo Statuto sono stati approvati a Firenze, che al tempo era la Capitale del Regno, il 23 ottobre 1865 (atti n. 2585). Il medesimo giorno la Banca nazionale assumeva l'onere di servizio di Tesoreria dello Stato (atti n. 2586). (fonte: Wikipedia)

Ga.Fi. Sud in “Rete Fidi Italia", il network dei più importanti Confidi Nazionali

Ga.Fi. Sud in “Rete Fidi Italia", il network dei più importanti Confidi Nazionali
C’è anche la Campania nel progetto che ha unito 10 tra i Confidi maggiori del Nord, del Centro e del Sud Italia e il Fondo interconsortile (IGI): Ga.Fi. Sud, Organismo di Garanzia presieduto da Rosario Caputo, ha sottoscritto il contratto di “Rete Fidi Italia", la prima rete di Confidi vigilati da Bankitalia nata sotto l’egida di Federconfidi, l’associazione nazionale dei consorzi fidi di emanazione confindustriale.
01/08/2015 18:45

Le ACH uniscono le forze per ottimizzare i servizi di compensazione europei

Sei membri della European Automated Clearing House Association (EACHA) hanno unito le forze per offrire servizi centralizzati e ottimizzati per l'elaborazione dei pagamenti SEPA. A questo scopo hanno costituito una nuova società, la European Clearing Cooperative (ECC), registrata il 23 giugno 2015. L'obiettivo di ECC è rafforzare l'interoperabilità e aumentare ulteriormente l'efficienza nell'area unica dei pagamenti in euro (SEPA) attraverso una piattaforma di servizi condivisa. Questa nuova piattaforma europea per i pagamenti, che si prevede sarà operativa entro la fine del 2015, offrirà un modello centrale di interoperabilità tra le ACH ottimizzato, basato sul framework EACHA, che usa un modello multi-ciclo e il sistema di regolamento interbancario TARGET2. ECC è stata fondata da un gruppo di ACH (Automated Clearing Houses) europee, ovvero DIAS, Equens, Iberpay, ICBPI, KIR, e TRANSFOND. Attualmente queste entità, insieme alle ACH gestite da tre banche centrali (Banca d'Italia,...
25/06/2015 10:00

ACHs Join Forces to Optimize European Clearing Services

Six members of the European Automated Clearing House Association (EACHA) have joined forces to deliver centralized and optimized processing services for SEPA transactions. For this purpose they have set up a new company called European Clearing Cooperative (ECC), registered on 23 June 2015. The objective of ECC is to strengthen interoperability and further increase efficiency in the Single Euro Payments Area through a shared service platform. This new European payment platform, expected to be operational by the end of 2015, will deliver an optimized central ACH interoperability model, based on the EACHA framework, using a multi-cycle model and interbank settlement in TARGET2. ECC has been founded by a group of European Automated Clearing Houses (ACHs) - DIAS, Equens, Iberpay, ICBPI, KIR, and TRANSFOND. Currently, these entities together with the ACHs operated by three central banks - Banca d'Italia, Deutsche Bundesbank and Oesterreichische Nationalbank - intend to process their...
25/06/2015 10:00
Loading....