Bashar al-Asad

Di fede alauita (un gruppo religioso musulmano sciita relativamente diffuso tra Libano e Siria costiera), controlla tuttavia un paese in larga maggioranza sunnita.
Baššār al-Asad è nato a Damasco, l'11 settembre 1965, secondogenito di Anīsa Makhlūf e Ḥāfiẓ al-Asad. Il padre, originario di una famiglia povera all'interno del gruppo religioso minoritario alauita, scalò i ranghi del Partito Baʿth fino a prendere il controllo del ramo siriano del partito nella cosiddetta "rivoluzione correttiva" del 1970, che si concluse con la sua ascesa alla presidenza siriana. Il suo cognome in arabo significa "leone".
Baššār ha ricevuto la sua istruzione primaria e secondaria nella scuola Arabo-Francese al-Hūrriyya a Damasco. Si è diplomato nel 1982 e ha continuato a studiare medicina presso l'Università di Damasco, dove si è laureato nel 1988.
Senza tenere in alcun conto gli ideali del partito Baʿth al quale teoricamente apparteneva, Hafiz al-Asad programmò attentamente la sua successione alla carica presidenziale ricercandola all'interno della sua famiglia e del suo gruppo religioso alauita. Dal momento che il figlio Baššār studiava oftalmologia a Londra e che sembrava mostrare scarso interesse per la vita politica, il padre destinò a succedergli l'altro figlio, fratello maggiore di Baššār, Bāsil al-Asad. (fonte: Wikipedia)

“In Siria migliaia di prigionieri sterminati”

In Siria i progionieri vengono «sistematicamente sterminati», secondo l’accusa degli investigatori dell’Onu sui diritti umani. Lo fa il governo, ma lo fanno anche i ribelli. Il regime del presidente Bashar al-Assad viene accusato di crimini contro l’umanità in una relazione per il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite. Lo studio attribui... (La Stampa - 10 ore fa) Leggi | Commenta

Hezbollah e rinforzi iracheni: così Assad dà l’assalto ad Aleppo

La Turchia parla di politica delle «porte aperte» nei confronti dei profughi in fuga da Aleppo che si stanno ammassando alla sua frontiera. Ma in realtà i siriani restano dall’altra parte del confine, dove Ankara si prepara a costruire un’immensa tendopoli e a creare una «zona cuscinetto umanitaria». Il tutto mentre l’esercito di Bashar al-Assad, c... (La Stampa - 2 giorni fa) Leggi | Commenta
Loading....