Bruno Ceccobelli

Nasce a Montecastello di Vibio, ma la famiglia subito si trasferisce a Todi, città che diventa il suo "genius loci". Finita la scuola, si reca a Roma per intraprendere studi artistici.
A Roma Frequenta l'Accademia di Belle Arti dove è allievo di Toti Scialoja, dal quale apprende la teoria e la pratica dell'astrattismo. La sua arte, che per alcuni aspetti è erede del conterraneo Alberto Burri e che condivide certi caratteri dell'Arte Povera, si inserisce nel contesto del più generale "ritorno alla pittura" che contraddistingue la sua generazione di artisti (si pensi, in questo senso, al movimento della Transavanguardia)". Tuttavia, attraverso lo studio della teosofia, dell'alchimia e delle filosofie orientali, Ceccobelli perviene a un vero e proprio simbolismo spirituale e sacrale, che lo differenzia dalle correnti sopra richiamate. A tale proposito, scrive: "Non voglio essere un artista alla moda, ma appartenere a tutti i tempi ed è per questo che credo in un'arte preveggente, non storica né letteraria o sociologica, né stilistica; credo in un'arte simbolica, che dia un messaggio e sia di pacificazione con il mondo". (fonte: Wikipedia)
Loading....