Carcano Mod. 91

Il Carcano Mod. 91, (fuori d'Italia anche conosciuto come Mannlicher-Carcano-Parravicino), è un fucile ad otturatore girevole-scorrevole adottato dal Regio Esercito italiano nel 1891 ed è stato l'arma d'ordinanza dell'esercito italiano per mezzo secolo, dal 1896 al 1945; esso sostituiva il vecchio 87 e adottava il nuovo piccolo calibro di 6,5 × 52 mm Mannlicher-Carcano.
A seguito della scoperta da parte di Paul Marie Eugène Vieille nel 1884 della polvere infume, attraverso la gelatinizzazione della nitroglicerina con una miscela di etere ed alcool, si rese disponibile la possibilità di progettare fucili di calibro minore di quelli fino ad allora adottati. Il Regio Esercito aveva in dotazione i fucili 87, 82 e 90 nel grosso calibro 10,35 × 47 mm R, con munizioni a polvere nera, di buona qualità, ma resi obsoleti da questa nuova scoperta.
Gli storici nemici austriaci, ad imitazione di quanto fatto dai francesi, avevano introdotto in servizio il Steyr-Mannlicher M1888 in calibro 8 × 50 mm R Mannlicher I tedeschi adottarono nel 1888 la munizione da 8 x 57 mm sul nuovo fucile Gewehr 88, che sembrò all'inizio una scelta ragionevole, ma, a seguito di alcuni esperimenti, si decise di adottare un calibro ancora inferiore, da 6,5 mm Carcano, che avrebbe permesso, tra l'altro, alle truppe di trasportare con facilità un maggior quantitativo di munizioni. Questa questione era all'ordine del giorno per gli sviluppi delle guerre coloniali, in cui frequentemente le truppe europee rimanevano a corto di proiettili, in aree "selvagge" dove erano pochissime le vie di comunicazioni. Anche quando non si era a rischio di rimanere senza proiettili in battaglia si doveva trascurare completamente l'addestramento al tiro non appena si abbandonava la linea di costa o le poche zone servite da ferrovie. Proprio in quel decennio la disfatta di Adua dimostrò quanto questo ragionamento fosse corretto. (fonte: Wikipedia)

A Mandello del Lario il progetto “Nonno raccontami”

La Biblioteca Comunale “Ercole Carcano” e la Casa di Riposo di Mandello del Lario, con la volontà di proseguire il percorso iniziato con l’iniziativa “Nonno leggimi una storia” del 2012, il progetto “Il germoglio” del 2013 e il progetto “C’era una volta” del 2014 a partire dal mese di Marzo, organizzano il... (ResegoneOnline - 24 febbraio 2015) Leggi | Commenta
Loading....