Caserta

Caserta è un comune italiano di 76 968 abitanti, capoluogo dell'omonima provincia in Campania. La città campana è nota soprattutto per la sua imponente Reggia Borbonica, detta "la Versailles d'Italia", che, insieme al Belvedere Reale di San Leucio e all'Acquedotto Carolino, è inserita dal 1997 nel patrimonio dell'umanità dell'Unesco.
Il nome Caserta deriva dal latino "Casa Irta", toponimo che viene fatto derivare dalla circostanza che l'antico centro urbano (l'attuale Casertavecchia) sorgeva, durante il Medioevo e fino al XVIII secolo, in posizione elevata rispetto alla pianura circostante.

Periodo Sannitico-Romano
La città di Caserta ha origini antiche ed incerte; l'area sulla quale fu edificata la reggia fa parte di un territorio naturale di importanza archeologica dove etruschi, sanniti e romani hanno lasciato testimonianze della loro presenza. Alcuni fanno risalire le sue origini agli Osci, altri agli Etruschi ed altri ai Sanniti. Nonostante tutto, dai reperti che sono stati ritrovati, persino nelle varie frazioni della Città, vi è una testimonianza di un passato assai remoto. Si pensa che il Borgo medievale nascesse sulle rovine dell'antica Saticulae fatto rilevante è che il monaco Erchemperto, nell'"Historia Longobardorum Beneventanorum" parla di Caserta quando gli abitanti di Calatia sono costretti a scappare per la distruzione di Pandone il Rapace, ma come una realtà già esistente. Nel 1990 furono ritrovate, nei sotterranei della Reggia, alcune tombe di epoca Sannita; si trattò dunque di una Necropoli del V secolo a.C. Intorno al 423 a.C. venne conquistata dai Sanniti sotto il nome di Calatia, nel 211 a.C. si schierò contro i Romani ed a favore di Annibale. Venne condannata all'esproprio e alla centurazione, il che significa frammentazione del territorio in grandi appezzamenti. Nell'VIII secolo fu distrutta dai Longobardi di Capua ad opera di Pandone il Rapace che fece costruire, nell'863, una torre in simbolo di conquista. (fonte: Wikipedia)

Professoressa uccisa a martellate Al culmine di una lite per futili motivi

23.02.15 Capodrise - Durante una lite generata da futili motivi un uomo di 51 anni ha ucciso a martellate una donna di 55 anni che abitava nello suo stesso palazzo: è successo a Capodrise, un piccolo centro alle porte di Caserta che è attonito in queste ore ... (CasertaWeb - 7 giorni fa) Leggi | Commenta

Lite finita in tragedia, uccisa a martellate da vicino casa

(AGI) - Caserta, 23 feb. - Una donna di 50 anni, Pasqualina Sica, e' stata uccisa a Capodrise, nel Casertano, da un suo vicino di casa. L'uomo, settant'anni, avrebbe aggredito la donna con un martello a seguito di un litigio per motivi condominiali. La donna ... (AGI - Agenzia Giornalistica Italia - 7 giorni fa) Leggi | Commenta

Morto Carmine Schiavone, l'uomo dei segreti sulla Terra dei fuochi

Con Schiavone non muore un eroe, né un uomo dispiaciuto di aver avvelenato la zona della Campania tra Napoli e Caserta: muore un uomo che ha portato nella tomba, probabilmente, più segreti di quanti non ne abbia confessati. Terra dei FuochiUltime ... (Napoli Fanpage - 8 giorni fa) Leggi | Commenta

Muore Carmine Schiavone, boss pentito dei Casalesi. Fu il primo che parlò dei veleni nella Terra dei Fuochi

Fecero scalpore le sue dichiarazioni su rifiuti tossici interrati nella provincia tra Napoli e Caserta. Il decesso nella sua casa nel viterbese. Da alcuni anni..... (La Repubblica - 8 giorni fa) Leggi | Commenta

Morto Carmine Schiavone. Il pentito della Terra dei Fuochi

Muore il pentito Carmine Schiavone, famoso boss e “padrone” di Casal di Principe (Caserta) nato il 20 luglio 1943. Famoso per essere stato uno dei collaboratori di giustizia più preziosi, fu a suo tempo amministratore e consigliere del clan dei casalesi sotto il predominio dell’era “Sandokan”, di cui ne era... (Vesuviolive.it - 8 giorni fa) Leggi | Commenta
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Mappa
Altri nomi: Caserta, Italy