Cella (architettura)

La cella (in greco "naòs") era la parte interna di un tempio greco o romano.
Era l'ambiente che ospitava l'immagine della divinità (una statua di solito) e simbolicamente era la casa del dio stesso; per questo era proibito entrarvi se non durante particolari festività, mentre vi accedevano regolarmente soltanto alcuni tipi di sacerdoti.
Le dimensioni della cella nei templi classici sono per questo molto ridotte e la superficie dello spazio interno era decisamente secondaria rispetto alla decorazione esterna, che alla fine era la parte fruita dalla comunità che si riuniva fuori dagli edifici per le funzioni e i riti.
La cella, che ha come antecedenti forse il "megaron" minoico e miceneo, poteva essere preceduta da un portico colonnato ("prònaos"), dove potevano trovarsi le stanze dei "tesori", le raccolte di offerte dei fedeli. Talvolta questa funzione spettava invece a una stanza posteriore, detta "opistodomo". La zona riservata ai sacerdoti era detta invece "adyton". La cella era spesso coperta da cancellate, per impedire il saccheggio delle offerte. La disposizione delle colonne in relazione alla cella, definisce le varie tipologie templari ("in antis", prostilo, anfiprostilo, periptero, pseudoperiptero, diptero, pseudodiptero) (fonte: Wikipedia)

"Pedofilia, Catozzi non ha mai svolto servizi pastorali"

Modena, 22 luglio 2012 - Salvatore Catozzi “non ha mai svolto servizi di carattere pastorale o educativo'' e, in occasione della visita di Benedetto XVI dello scorso 26 giugno, il suo nome “non compariva in alcuna lista ufficiale delle persone ... (Il Resto del Carlino - 22 luglio 2012) Leggi | Commenta

Lo sfogo di una mamma: "Anche mia figlia avvicinata da quell'uomo"

È una mamma di Rovereto a raccontare un episodio che le avrebbe riferito la figlia di nove anni: il condizionale è d'obbligo, soprattutto in casi delicati come questo in cui è facile che i piccoli si suggestionino. Saranno i carabinieri a far luce su ... (Il Resto del Carlino - 22 luglio 2012) Leggi | Commenta

Molesta bimbo,aiutante don Ivan in cella

Il Gip del tribunale di Modena, Domenico Truppa, ha convalidato l'arresto dell'aiutante di don Ivan, il parroco di Rovereto morto nel terremoto della scorsa primavera di cui diceva di essere fratello adottivo, e ne ha disposto la custodia cautelare in ... (NotiziarioItaliano.IT - 22 luglio 2012) Leggi | Commenta

Giallo sul tentato suicidio del boss Provenzano

"Ogni lettura è legittima: sia che siamo davanti a un reale tentativo di suicidio, sia che si sia trattato di un gesto fatto per 'attirare l'attenzione' sulla propria condizione". E' cauto il procuratore di Palermo Francesco Messineo che commenta così ... (Cronaca Qui - 11 maggio 2012) Leggi | Commenta

Mafia: Dap, tentato suicidio Provenzano gesto dimostrativo

Roma, 11 mag. - (Adnkronos) - Un gesto dimostrativo. A quanto apprende l'Adnkronos da fonti qualificate del Dap, sarebbe questa la lettura piu' accreditata del presunto tentato suicidio del capomafia Bernardo Provenzano, nella sua cella di massima ... (Il Tempo - 11 maggio 2012) Leggi | Commenta
1 2