Corte d'assise

La corte d'assise, in certi ordinamenti di civil law, tra cui la Francia, l'Italia, alcuni cantoni della Svizzera e il Belgio, è un organo giurisdizionale competente a giudicare i reati più gravi (in Francia e Belgio, i "crimini"), costituito da giudici togati e da giudici laici tratti dalla cittadinanza.
Assise era originariamente il plurale di "assisa", termine ormai caduto in disuso derivato dal verbo latino "assidere" ('sedere' in generale e in particolare 'sedere come giudice') sotto l’influenza del francese "assises", con significato equivalente a 'sessione' o 'seduta'. In passato indicò la seduta di un tribunale feudale o un’assemblea di signori feudali.
La Costituzione francese del 1791 (Titolo III, Cap. 5, Art. 9) stabilì il principio che nei processi penali le questioni di fatto sarebbero state decise da una giuria di cittadini, quelle di diritto da giudici togati; in questo modo si voleva realizzare la partecipazione dei cittadini all'amministrazione della giustizia, in coerenza con il principio di sovranità nazionale affermato dalla Rivoluzione francese. L'istituito della giuria era chiaramente mutuato dal sistema giudiziario inglese, che gli illuministi francesi del XVIII secolo ammiravano, contrapponendolo al sistema dell'"Ancien Régime" dove, soprattutto nei potenti "parlements", le funzioni giurisdizionali erano appannaggio di un ceto ristretto (la "noblesse de robe"). La denominazione "cour d'assises" risale al "Code d'instruction criminelle" napoleonico del 1808. Nel 2000 è stata istituita la "cour d'assises d'appel", mentre in precedenza contro le sentenze della "cour d'assises" era possibile il solo ricorso alla "cour de cassation". (fonte: Wikipedia)

Kabobo, risarcimenti ai familiari di Ermanno Masini, Daniele Carella e Alessandro Carolè

La difesa di Adam Kabobo, presente in aula, aveva chiesto l’assoluzione per incapacità totale di intendere e di volere. Stessa richiesta che era stata formulata in primo grado. La Corte d’Assise d’Appello di Milano ha però confermato la condanna a…Continua a leggere → (La Prima Pagina - 6 giorni fa) Leggi | Commenta

Kabobo, confermati 20 anni all'omicida col piccone

Il ghanese di 33 anni ha ucciso tre persone nel maggio 2013. La corte d'Assise d'Appelo di Milano gli ha riconosciuto il vizio parziale di mente: a pena espiata dovrà trascorrere tre anni in una casa di cura per disturbi mentali. Il figlio di una delle vittime: ... (La Nuova Sardegna - 6 giorni fa) Leggi | Commenta

Confermati i 20 anni per il picconatore Kabobo

GIUSTIZIA Vent'anni di carcere, scontati i quali, dovrà trascorrerne altri tre in una casa di cura per disturbi mentali. È la pena stabilita ieri dai giudici della Corte d'assise d'appello di Milano per Adam Kabobo, il ghanese che l'11 maggio 2013 con un piccone ... (Metro - 6 giorni fa) Leggi | Commenta

Kabobo: confermata condanna a 20 anni, figlio vittima "deluso"

(AGI) - Milano, 20 gen. - I giudici della corte d'assise d'appello di Milano hanno confermato la condanna a 20 di reclusione con il vizio parziale di mente e 3 anni di casa di cura e custodia a pena espiata per Adam Kabobo, il ghanese che nel maggio 2013 ... (AGI - Agenzia Giornalistica Italia - 6 giorni fa) Leggi | Commenta

Kabobo, la difesa: "Rubare dopo l'omicidio è usanza delle tribù"

Il ghanese uccise a colpi di piccone tre passanti a Milano. Per la difesa è incapace di intendere. I cellulari rubati alle vittime? “È solo un gesto di vittoria tipico delle culture tribali”. È iniziato davanti ai giudici della Corte d'Assise d'Appello di Milano il processo ... (L'ultima Ribattuta - 6 giorni fa) Leggi | Commenta
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10