Curia romana

La Curia romana è il complesso di organi ed autorità che costituiscono l'apparato amministrativo della Santa Sede, che coordina e fornisce l'organizzazione necessaria per il corretto funzionamento della Chiesa cattolica e il raggiungimento dei suoi obiettivi. Viene generalmente considerata "il governo della Chiesa".
Ogni diocesi cattolica ha una curia nella sua amministrazione. Per la Diocesi di Roma, queste funzioni non sono gestite dalla Curia romana, ma dal "Vicariato generale di sua santità per la città di Roma", come previsto dalla costituzione apostolica "Ecclesia in Urbe". Il vicario generale, tradizionalmente un cardinale, e il vicegerente, che detiene il titolo personale di arcivescovo, supervisionano il governo della diocesi facendo occasionale riferimento al papa stesso.
"Curia" nel latino medioevale e dell'epoca successiva, significava "corte", nel senso di "corte reale" piuttosto che in quello di "corte legislativa" (anche se i due significati sono storicamente correlati). La Curia romana, quindi, è la corte papale, e assiste il papa nello svolgimento delle sue funzioni. (fonte: Wikipedia)

Berlusconi: esiste solo il proporzionale

ROMA - Il presidente del Pd e il vicesegretario, Matteo Orfini e Lorenzo Guerini, alzano il pressing sugli altri partiti chiedendo di aprire subito un «tavolo» sulla legge elettorale, senza attendere la sentenza della Consulta il 24 gennaio, ma i due ... (Il Gazzettino - 29 dicembre 2016) Leggi | Commenta

A Scicli riparte la consulta dello sport

L’amministrazione comunale di Scicli invita le associazioni sportive, gli organi di autogoverno delle scuole, le associazioni sindacali e di quartiere della città a voler segnalare un proprio rappresentante da inserire in seno alla Consulta dello Sport. Tali segnalazioni, da indirizzare al sindaco di Scicli... (RagusaTG - 28 dicembre 2016) Leggi | Commenta

"Ciaone" riforme renziane. Adesso tocca al Jobs Act

Lo scandalo del boom dei voucher rischia di essere il grimaldello per scardinare il Jobs Act, già nel mirino della Consulta che l'11 gennaio si pronuncerà sull'ammissibilità dei tre quesiti referendari proposti dalla Cgil. Un'altra riforma del governo ... (il Giornale - 28 dicembre 2016) Leggi | Commenta

Articolo 18, la Consulta verso il no al referendum

I giochi sono ancora tutti aperti. Ma a meno di due settimane dall’11 gennaio, giorno in cui la Corte Costituzionale dovrà pronunciarsi sull’ammissibilità dei tre quesiti referendari proposti dalla Cgil con 3,3 milioni di firme, la Consulta sembra orientarsi verso la bocciatura del referendum più esplosivo, quello che riguarda le norme sui licenzia... (La Stampa - 28 dicembre 2016) Leggi | Commenta
Loading....
Informazione.it - Notizie a Confronto
Notizie a Confronto