D-dimero

Il D-dimero è un prodotto di degradazione della fibrina (FDP), un frammento proteico rilevabile nel sangue in caso di fibrinolisi. Il nome della sostanza deriva dal fatto che è costituito da due frammenti D di fibrina, stabilizzati da legami crociati covalenti.
Il peso molecolare del D-dimero si aggira intorno a 180.000 dalton e l'emivita è pari a 4-6 ore.
La sua determinazione mediante un esame del sangue è stata introdotta negli anni novanta e oggi trova indicazione clinica nella diagnosi dell'embolia polmonare, della trombosi venosa profonda e della coagulazione intravascolare disseminata.
La misurazione presenta alta sensibilità ma bassa specificità, pertanto un valore basso può escludere una patologia trombo-embolica, ma un valore elevato non è sufficiente a determinarne la diagnosi.
La coagulazione, ovvero la formazione di un coagulo di sangue o trombo, si verifica quando le proteine della cascata della coagulazione vengono attivate, sia per il contatto con le pareti del vaso sanguigno danneggiato (via intrinseca) sia per attivazione del fattore VII, attivazione dovuta al rilascio di altri fattori tissutali. (fonte: Wikipedia)
Loading....