DC Comics

DC Comics è una delle più importanti attive case editrici di fumetti negli Stati Uniti d'America. Tra i suoi simboli ci sono personaggi che hanno fatto la storia del genere supereroistico e avventuroso, come Superman, Batman, Flash e Wonder Woman. È una divisione editoriale della "DC Entertainment" (appartenente al gruppo "Time Warner"), il cui scopo è quello di sviluppare le proprietà e i personaggi "DC Comics" a livello multimediale cioè film, serie televisive, prodotti di consumo, merchandising, home entertainment, videogiochi e prodotti digitali e interattivi. La "DC Entertainment" (tramite i suoi brands "DC Comics", "Vertigo" e "Mad") è il più grande editore al mondo di fumetti di lingua inglese.
Nel 1934 nasceva la National Allied Publications, casa editrice di fumetti, fondata dal maggiore della cavalleria statunitense Malcom Wheeler Nicholson. Reduce dai campi della Grande Guerra comincia a lavorare nell'editoria negli anni venti, vendendo storie in prosa e strisce a fumetti (o "comic strips") ai giornali tramite una sua agenzia di stampa (o "syndicate"). Il primo albo della sua casa editrice esce nel febbraio 1935 e porta il titolo "New Fun: The Big Comic Magazine". La prima grande innovazione risiede nel realizzare una pubblicazione a fumetti contenente del materiale inedito. Fino a quel periodo le riviste a fumetti contenevano in gran parte ristampe delle strisce pubblicate sui quotidiani ("newspaper comic strips"). Le dimensioni di questa prima pubblicazione sono quelle di un quotidiano e le pagine interne sono in bianco e nero. L'unica storia a colori è quella presentata in copertina, un racconto di genere western in 12 vignette che introduce il primo personaggio originale della "DC": il cowboy "Jack Woods" (di cui ancora oggi non si conosce l'autore del soggetto). La rivista è costosa per via della carta utilizzata per il formato ed è poco attraente per l'assenza del colore nell'interno. La seconda serie pubblicata cambia formato e viene intitolata inizialmente "New Comics" (del dicembre 1935) per poi divenire "More Fun Comics" e di fatto impone sul mercato le dimensioni (circa 17 centimetri di larghezza per 26 di altezza) oggi da tutti utilizzate nel mercato fumettistico internazionale, almeno per quel che riguarda i supereroi. Il nuovo formato viene scelto principalmente per ridurre il quantitativo di carta per la stampa ma anche per renderlo più visibile e gestibile sugli espositori delle edicole. Dal novembre 1938 "More Fun Comics" prende il nome Adventure Comics, con il quale viene distribuita e pubblicata (anche se non continuatamente) fino al 2011. Il primo numero di "New Comics" ha la cover disegnata da Vince (o anche "Vin") Sullivant, figura chiave nei futuri sviluppi della casa editrice. Promosso redattore l'anno successivo è lui a concepire la serie "Detective Comics", la prima serie a fumetti incentrata su un unico tema e con storie più lunghe. Fino ad ora i generi contenuti in un albo a fumetti varia enormemente. In "New Comics" sono presenti sia storie umoristiche che d'avventura, inoltre la lunghezza di una storia riprende quella delle pagine domenicali dei fumetti pubblicate sui quotidiani ("Sunday Pages"). Con la nuova serie si vogliono inserire storie di ampio respiro e che occupino diverse pagine l'una. Il fondatore Wheeler-Nicholson è però in difficoltà economiche e alla fine del 1936 deve cedere le sue pubblicazioni a Harry Donenfeld, il distributore delle sue riviste a fumetti tramite la "Indipendent News". Donenfeld è anche interessato al lancio della nuova serie di Vin Sullivan e ad espandere ulteriormante l'offerta della National Allied Comics. Convince il suo contabile Jack Liebowitz ad entrare nell'impresa e fondano la "Detective Comics Inc." la quale quale sovvenziona le precedenti pubblicazioni e si impegna nel lanciare nuove serie quali Detective Comics (marzo 1937) e Action Comics (giugno 1938). Il nome ufficiale dell'editore diviene "National Periodical Publications" (o anche "National Comics") ma a partire dall'aprile 1940 sulle serie pubblicate compare il logo "a DC publication" che da metà degli anni settanta darà alla casa editrice il nome definitivo "DC Comics". Il primo albo a esibirlo è "Action Comics" n.23, che vede anche la prima apparizione di Lex Luthor, nemesi storica di Superman. Per quanto riguarda il significato dell'acronimo "DC" vi è la versione ufficiale che sostiene significasse da subito "detective comics", in onore della "Detective Comics Inc." che aveva acquisito le pubblicazioni di Wheeler-Nicholson e contribuito a lanciare la serie omonima. Ma c'è chi afferma che il significato fosse "Donenfeld's Comics", imposto da colui (Henry Donenfeld) che sostiene di aver messo le basi per lo sviluppo della National Comics come grande casa editrice. (fonte: Wikipedia)
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Loading....