Don Giovanni (opera)

"Don Giovanni" (titolo originale: "Il dissoluto punito ossia il Don Giovanni", K 527) è un'opera lirica in due atti di Wolfgang Amadeus Mozart.
È la seconda delle tre opere italiane che il compositore austriaco scrisse su libretto di Lorenzo Da Ponte (che era al servizio dell'imperatore d'Austria), il quale attinse a numerose fonti letterarie dell'epoca. Essa precede "Così fan tutte" (K 588) e segue "Le nozze di Figaro" (K 492), e venne composta tra il marzo e l'ottobre del 1787, quando Mozart aveva 31 anni.
Commissionata dall'imperatore Giuseppe II, non andò tuttavia in scena per la prima volta a Vienna, bensì al Teatro degli Stati di Praga. "Don Giovanni" è considerata uno dei massimi capolavori di Mozart, della storia della musica e della cultura occidentale in generale.

Una rilettura del mito di Don Giovanni
L'impronta di Lorenzo Da Ponte, futuro poeta di corte a Vienna, si avverte in maniera sensibile in tutte e tre le opere italiane scritte per Mozart (cioè, "Nozze di Figaro", "Don Giovanni" e "Così fan tutte"). Il librettista veneto lavorò con molti dei più grandi operisti italiani del tempo, tra cui Antonio Salieri. In particolare, mentre lavorava alla stesura del "Don Giovanni", Da Ponte stava scrivendo contemporaneamente il libretto di "Axur, re d'Ormus" per Salieri (versione italiana del "Tarare" andato in scena pochi mesi prima a Parigi) e "L'arbore di Diana" per Martìn y Soler. (fonte: Wikipedia)
Loading....