Elsa Respighi

Trascorse i primi anni di vita a Roma. Poi il padre Arturo Olivieri Sangiacomo, scrittore ed ufficiale dell'esercito piemontese, si trasferì a Firenze per ragioni di servizio. In questo periodo, resosi conto delle "attitudini musicali" della piccola Elsa, la incoraggiò ad intraprendere lo studio del pianoforte. Nel 1903 si stabilì nuovamente a Roma con la famiglia ed iniziò a studiare pianoforte sotto la guida di Clotilde Poce. Dal 1907 proseguì gli studi presso l'Istituto Nazionale di Musica, diretto da Pietro Mascagni, che di lei ebbe a dire: "Questa bambina farà parlare di sé". In questi anni mentre studiava musica e pianoforte iniziò a coltivare il sogno di diventare compositrice. Nel 1908 vinse il concorso per frequentare il corso di pianoforte al Conservatorio di Santa Cecilia.
Durante l'espletamento del concorso il suo talento musicale fu notato dal celebre musicista Giovanni Sgambati, che si offri di prepararla gratuitamente per due lezioni settimanali per due anni. Successivamente egli stesso la preparò per il debutto all'Ambasciata Russa, che però non ebbe mai luogo a causa di una nevrite acuta all'avambraccio destro che pregiudicò per sempre la sua carriera di pianista. Ma poiché, come suol dirsi in certi casi, "non tutti i mali vengono per nuocere", in seguito si iscrisse ai corsi di Armonia, Fuga e Composizione, diventando così alunna e poi moglie del giovane compositore Ottorino Respighi, mentre questi insegnava a Santa Cecilia. (fonte: Wikipedia)
Loading....