Enrico IV (Pirandello)

"Enrico IV" è un dramma in 3 atti di Luigi Pirandello. Fu scritta nel 1921 e rappresentata il 24 febbraio 1922 al Teatro Manzoni di Milano.
Considerato il capolavoro teatrale di Pirandello insieme a "Sei personaggi in cerca di autore", "Enrico IV" è uno studio sul significato della pazzia e sul tema caro all'autore del rapporto, complesso e alla fine inestricabile, tra personaggio e uomo, finzione e verità.
Un nobile del primo '900 prende parte ad una mascherata in costume nella quale impersona Enrico IV; alla messa in scena, prendono parte anche Matilde Spina, donna della quale è innamorato, ed il suo rivale in amore Belcredi. Quest'ultimo disarciona Enrico IV, il quale nella caduta batte la testa e si convince di essere realmente il personaggio storico che stava impersonando.
La follia dell'uomo viene assecondata dai servitori che il nipote di Nolli
mette al suo servizio per alleviare le sue sofferenze; dopo 12 anni Enrico guarisce e comprende che Belcredi lo ha fatto cadere intenzionalmente per rubargli l'amore di Matilde, che poi ha sposato e con il quale è fuggita. Decide così di fingersi ancora pazzo, di immedesimarsi nella sua maschera per non voler vedere la realtà dolorosa. (fonte: Wikipedia)

Pirandello e la finzione della finzione

Franco Branciaroli dirige e interpreta la paradossale vicenda di un uomo esiliatosi dal mondo e prigioniero del personaggio di Enrico IV, si finge pazzo per evitare il ridicolo dell’ipocrisia. Al Teatro della Pergola, fino a domenica 22 marzo. www.teatrodellapegola.it. (Nove da Firenze - 69 giorni fa) Leggi | Commenta
  • 1 (current)
  • 2
  • 3
  • 4
Loading....