Furby

Furby è un animaletto robotico e interattivo, creato nel 1998 da Dave Hampton e Caleb Chung e distribuito da Hasbro.
Il primo Furby è dotato di 6 sensori sparsi su tutto il corpo, che gli permettono di muovere orecchie, occhi e bocca, nonché di richiedere attenzione e cure. In tutto il mondo ne sono stati venduti più di 41 milioni.
I primi Furby possiedono 24 nomi, tre diversi toni di voce, sei colori di pelliccia e quattro colori differenti di occhi (ma la Hasbro ne ha prodotti otto generazioni, comprendenti sei modelli diversi ciascuna).
Sono in grado di eseguire oltre 300 combinazioni di movimenti di occhi, orecchie e bocca e dire fino a 800 frasi diverse. Inoltre possono interagire tra di loro per mezzo di una porta infrarossi, posta sopra i loro occhi.
La lingua ufficiale di Furby è il "Furbish" (lingua inventata che comprende derivazioni dal cinese, l'ebraico e l'inglese), ma può parlare anche quella del Paese nel quale è stato distribuito (Stati Uniti, Italia, Spagna, Germania, Francia e Giappone). Lo scopo di curare il piccolo animaletto è quella di insegnargli la propria lingua interagendo con lui, accarezzandolo e nutrendolo (inserendo un dito nella sua bocca e premendo la lingua). Furby infatti non può imparare altre parole che non siano quelle programmate in memoria. Molti curiosi credevano che Furby imparasse a parlare ascoltando il suo padrone, ipotesi anche alimentata dalle informazioni errate fornite dai media durante il periodo del successo di questo giocattolo interattivo. Dopo Tamagotchi, Furby resta l'electronic pet più venduto al Mondo, e quello che ha generato nel tempo cloni poco redditizi e tecnologicamente scarsi. (fonte: Wikipedia)

Ricerca: amico robot, fotografata l'empatia umana per gli androidi

24 Ore Milano, 23 apr. (Adnkronos Salute) - Dal T-101 di Terminator al Comandante Data di Star Trek, dagli aspirapolvere intelligenti a Furby, l''e-pet' più gettonato del mondo. Grazie a cinema, tv e pubblicità non smette di allungarsi la lista di robot ai quali ... (SassariNotizie.com - 25 aprile 2013) Leggi | Commenta