Gabriele D'Annunzio

Soprannominato il Vate, cioè "il profeta" cantore dell'Italia umbertina, occupò una posizione preminente nella letteratura italiana dal 1889 al 1910 circa e nella vita politica dal 1914 al 1924. È stato definito «"eccezionale e ultimo interprete della più duratura tradizione poetica italiana […]"» e come politico lasciò un segno nella sua epoca e una influenza sugli eventi che gli sarebbero succeduti.

La famiglia e gli anni di formazione (1863-1881)
Gabriele D'Annunzio nacque a Pescara il 12 marzo 1863 da una famiglia borghese benestante. Terzo di cinque figli, visse un'infanzia felice, distinguendosi per intelligenza e vivacità. Dalla madre, Luisa de Benedictis (1839-1917), erediterà la fine sensibilità; dal padre, Francesco Paolo Rapagnetta (1831-1893) (il quale acquisì anche il cognome D'Annunzio da un ricco parente che lo adottò, lo zio Antonio D'Annunzio), il temperamento sanguigno, la passione per le donne e la disinvoltura nel contrarre debiti, che portarono la famiglia da una condizione agiata a una difficile situazione economica. Reminiscenze della condotta paterna, la cui figura è ricordata nelle "Faville del maglio" e accennata nel "Poema paradisiaco", sono presenti nel romanzo "Trionfo della morte". (fonte: Wikipedia)

Giornata contro le leucemie al conservatorio D'Annunzio

Ail Pescara-Teramo, serata al conservatorio “Luisa D'Annunzio” in occasione della Giornata nazionale per la lotta alle leucemie. Una serata dedicata alla comunicazione dei risultati nel campo della ricerca scientifica e alle testimonianze di pazienti e ... (Giornale di Montesilvano - 20 giugno 2016) Leggi | Commenta
Loading....