Gabriele D'Annunzio

Soprannominato il Vate, cioè "il profeta" cantore dell'Italia umbertina, occupò una posizione preminente nella letteratura italiana dal 1889 al 1910 circa e nella vita politica dal 1914 al 1924. È stato definito «"eccezionale e ultimo interprete della più duratura tradizione poetica italiana […]"» e come politico lasciò un segno nella sua epoca e una influenza sugli eventi che gli sarebbero succeduti.

La famiglia e gli anni di formazione (1863-1881)
Gabriele D'Annunzio nacque a Pescara il 12 marzo 1863 da una famiglia borghese benestante. Terzo di cinque figli, visse un'infanzia felice, distinguendosi per intelligenza e vivacità. Dalla madre, Luisa de Benedictis (1839-1917), erediterà la fine sensibilità; dal padre, Francesco Paolo Rapagnetta (1831-1893) (il quale acquisì anche il cognome D'Annunzio da un ricco parente che lo adottò, lo zio Antonio D'Annunzio), il temperamento sanguigno, la passione per le donne e la disinvoltura nel contrarre debiti, che portarono la famiglia da una condizione agiata a una difficile situazione economica. Reminiscenze della condotta paterna, la cui figura è ricordata nelle "Faville del maglio" e accennata nel "Poema paradisiaco", sono presenti nel romanzo "Trionfo della morte". (fonte: Wikipedia)
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr

Oggi all'Aurum convegno sulla dislessia

Si svolgerà stamane, nella sala D'Annunzio dell'Aurum, il convegno My Story, testimonianze della vita dei giovani dislessici, organizzato dall'Associazione italiana dislessia, sezione di Pescara. L'a... 12 marzo 2016. Si svolgerà stamane, nella sala ... (Il Centro - 76 giorni fa) Leggi | Commenta
Loading....