Giacomo Matteotti

Il nonno del politico, il calderaio Matteo Matteotti, era originario di Comasine, nella Val di Peio, in Trentino, da dove si era trasferito a Fratta Polesine nel 1859, l’anno stesso della sua morte. Suo figlio Girolamo (1839-1902) portò avanti e allargò l’attività paterna: commerciante in ferro e rame, aveva investito i profitti in case e in terreni, e raggiunse un'invidiabile posizione economica. L'accusa rivolta al padre di aver costruito la sua fortuna prestando denaro ad interesse provenne dalla stampa cattolica locale di quegli anni, avversaria del figlio socialista, e non è mai stata definitivamente provata.
Il 7 febbraio 1875 Girolamo sposò Lucia Elisabetta Garzarolo (chiamata comunemente Isabella). Ebbero sette figli, quattro dei quali morirono in tenera età: degli adulti, Giacomo Lauro fu il secondo, dopo Matteo (1876-1909) e prima di Silvio (1887-1910), e l'unico a sopravvivere ai fratelli, morti ancor giovani di tisi. Tutti i giovani Matteotti si impegnarono in politica nelle file del Partito socialista, seguendo l'esempio del padre che era stato consigliere comunale di Fratta Polesine dal 1896 al 1897. Matteotti frequentò il ginnasio "Celio" di Rovigo e fu compagno di classe del suo futuro avversario politico cattolico, Umberto Merlin. (fonte: Wikipedia)

Le celebrazioni per la Festa della Repubblica

TARQUINIA – Per il prossimo 2 giugno l’amministrazione comunale ha promosso una serie di iniziative celebrative. Alle 10 raduno in piazza Giacomo Matteotti per la deposizione di una corona di alloro al mausoleo di Domenico Emanuelli; a seguire il corteo sfilerà per […] (La Voce del Popolo - 2 giorni fa) Leggi | Commenta

C.mare del Golfo, Centenario guerra caduti mostra fotografica

Un secolo fa, il 24 maggio 1915, l’Italia entrava in guerra: il 24 maggio 2015 Castellammare ricorda i caduti castellammaresi nel primo conflitto mondiale e non solo. Sarà inaugurata, infatti, proprio sabato 24 maggio, alla biblioteca comunale "Barbara Rizzo, Giuseppe e Salvatore Asta", di piazza Matteotti,... (Prima Pagina News - 7 giorni fa) Leggi | Commenta

COMIZIO IN CENTRO

Sanremo. “Il 31 maggio sarà come votare per un referendum, per cambiare la Liguria. E se cambia qui mandiamo Renzi e la Boldrini a casa“. Questo ed altro ha detto stamane Matteo Salvini , nella centralissima via Matteotti, di fronte ad una piccola folla di un ... (Riviera24.it - 10 giorni fa) Leggi | Commenta

Andrea Bonazza di Casa Pound, a La Zanzara su Radio 24: “Sono fascista, con Mussolini Italia funzionerebbe meglio”

Andrea Bonazza (Casa Pound, consigliere comunale a Bolzano): “Oppositori uccisi? Tutte stronzate, unico fu Matteotti”. “Al confino c‘erano solo 20 persone”. ”Hitler? Ha fatto cose positive per lavoratori tedeschi”. “Renzi? Una testa di c..” “Sono fascista, perché no? Non c’è niente di male”. Lo dice Andrea... (La Perfetta Letizia - 13 giorni fa) Leggi | Commenta
Loading....