Isola del Giglio

(fonte: Wikipedia)
Isola del Giglio è un comune italiano a carattere sparso di abitanti della provincia di Grosseto in Toscana.
Prende il nome dall'omonima isola dell'Arcipelago Toscano e comprende anche l'Isola di Giannutri, situata alcuni chilometri a Sud-Est.
Il territorio comunale, che interessa l'Isola del Giglio propriamente detta, è quasi completamente collinare e la cima più alta, il Poggio della Pagana, raggiunge i 496 metri s.l.m. nella parte interna centrale dell'isola. La composizione geologica è prevalentemente granodioritica. Il perimetro costiero è di 27 km ed è in larga parte roccioso, tranne che in alcuni punti, dove si aprono la spiaggia del Campese e altre spiagge minori situate sul versante orientale dell'isola (Arenella, Cannelle e Caldane).
Fino a pochi decenni fa su quasi l'intera superficie dell'isola erano stati ricavati terrazzamenti con muri a secco di granito (detti "greppe"), alcuni dei quali sono ancora coltivati a vigneto per produrre il vino gigliese, che rientra nella medesima denominazione di origine controllata e nel relativo disciplinare di produzione dell'Ansonica Costa dell'Argentario. La maggior parte dei terrazzamenti è stata tuttavia abbandonata e viene lentamente colonizzata da una bassa gariga ad elicriso e successivamente di cisto. (fonte: Wikipedia)
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr

Concordia, "una scelta criminale"

La procura di Grosseto ha pubblicato le motivazioni della sentenza che ha condannato a 16 anni di carcere l'ex comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino.Nel naufragio della nave all'Isola del Giglio morirono 32 persone, fra viaggiatori e ... (RSI.ch Informazione - 13 luglio 2015) Leggi | Commenta

Schettino, i motivi della condanna

GROSSETO - Per risalire alle cause del naufragio della Costa Concordia e alla morte dei 32 passeggeri bisogna concentrare l'attenzione su due momenti: l'impatto della nave con lo scoglio davanti all'Isola del Giglio e la gestione dell'emergenza dopo ... (Corriere del Ticino - 13 luglio 2015) Leggi | Commenta

I giudici: “Schettino abbandonò la nave per salvarsi, avrebbe potuto evitare le 32 morti”

Il Tribunale di Grosseto ha reso pubbliche le motivazioni della sentenza con la quale l’ex comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino, è stato condannato a 16 anni per il naufragio all’isola del Giglio: «Nel momento in cui l’imputato lasciava definitivamente la Concordia», scrivono i giudici, la situazione era tale «da rendere impossibi... (La Stampa - 13 luglio 2015) Leggi | Commenta
Mappa
Loading....