Istituto nazionale di statistica

Fu istituito come Istituto Centrale di Statistica nel 1926 (legge 9 luglio 1926, n. 1162), durante il Fascismo, per raccogliere, in forma organizzata, alcuni dati essenziali riguardanti lo Stato.
È stato in seguito riorganizzato, con il decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322 che ha istituito il Sistema Statistico Nazionale (SISTAN) e ha dettato norme sui compiti e l'organizzazione dell'ISTAT, cambiandone tra l'altro la denominazione in "Istituto nazionale di statistica".
I contenuti pubblicati dell'ISTAT sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons.
L'Istat è il produttore di statistica ufficiale a supporto dei cittadini e dei decisori pubblici.
Per statuto, la realizzazione di indagini, studi e analisi è finalizzata alla produzione di statistica ufficiale e a soddisfare il bisogno informativo espresso dalla collettività. Le rilevazioni di pubblico interesse sono stabilite dal Programma statistico nazionale, il documento che regola l'attività di produzione statistica. (fonte: Wikipedia)

Torna positivo l’indicatore anticipatore dell’economia italiana

La nota mensile dell’Istat sull’andamento dell’economia italiana. Migliora il clima di fiducia dei consumatori ma non delle imprese. Se la crescita dell’economia statunitense continua pur in presenza di una riduzione degli scambi internazionali e di un aumento dei prezzi del petrolio, nell’area euro... (TendenzaMercati - 85 giorni fa) Leggi | Commenta
A un italiano su 4 la casa sta “stretta”

A un italiano su 4 la casa sta “stretta”

Un italiano su quattro vive in una casa troppo piccola e sovraffollata: a dirlo dall’alto del suo prestigio è l’ISTAT: all’interno del suo ultimo rapporto BES, sul Benessere equo e sostenibile, l’istituto di ricerca che nel 2015 il 9,6% della popolazione italiana ha lamentato difficili condizioni abitative. (News Immobiliare - 85 giorni fa) Leggi | Commenta

Resiste il matrimonio in chiesa, ma aumentano le separazioni

Dodici mesi di rilevazioni Istat ci danno un quadro della nostra società, tra indicatori in ripresa e sacche di crisi. In cerca del lavoro che non c'è. Nel 2015, sommando ai disoccupati le forze di lavoro potenziali, ammontano a 6,5 milioni le persone ... (Famiglia Cristiana - 85 giorni fa) Leggi | Commenta
Loading....