John Donne

Scrisse sermoni e poemi di carattere religioso, traduzioni latine, epigrammi, elegie, canzoni, sonetti e satire. Può essere considerato come il rappresentante inglese del concettismo durante il Siglo de Oro.
La sua poetica fu nuova e vibrante per quanto riguarda il linguaggio e l'invettiva delle metafore, specie se paragonato ai suoi contemporanei. Lo stile di Donne è caratterizzato da sequenze iniziali "ex abrupto" e vari paradossi, dislocazioni e significati ironici. La sua frequente drammaticità e i discorsi da ritmi giornalieri, la sua tesa sintassi e la sua eloquenza di pensiero furono sia una struggente reazione nei confronti dell'uniformità convenzionale della poetica elisabettiana sia un adattamento in inglese delle tecniche barocche e manieriste europee.
Celebre il suo sermone "Nessun uomo è un'isola" (meditazione XVII) citato da Ernest Hemingway in epigrafe a "Per chi suona la campana", e da cui trae ispirazione un omonimo libro di Thomas Merton. (fonte: Wikipedia)
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr

Doppio appuntamento con Le Donne del Vino

Cena evento i cui proventi saranno devoluti all’associazione Piano Terra in favore del progetto “1000 giorni”, a vantaggio di donne in gravidanza in contesti di marginalità Napoli, 23 maggio – Doppio appuntamento, a giugno, con Le Donne del Vino. Non solo il convegno, dal titolo “Donne&Ambiente tra economia,... (NapoliTime - 18 ore fa) Leggi | Commenta
Loading....