Langhe

Il giorno 22 giugno 2014, durante la 38ª sessione del comitato UNESCO a Doha, le Langhe sono state ufficialmente incluse, assieme a Roero e Monferrato, nella lista dei beni del Patrimonio dell'Umanità.
L'etimo del nome "langa" (che in piemontese indica proprio la collina) è incerto. Dante Olivieri aveva proposto in un primo momento un accostamento alla voce lombarda "lanca" ma poi ha aderito alla proposta di Giulia Petracco Sicardi che, partendo dall'etnico ligure *"Langates", ha ricavato una base *"langa" riferito alla posizione del castello o al castello stesso dove vivevano queste popolazioni. Nino Lamboglia invece propende per un accostamento a una base non indoeuropea *"lanka" che si riscontra anche in "Langobriga" (città iberica) dal probabile significato di "conca, avvallamento" e da questo "zona collinare".
Un documento del X secolo parla di "Langarum". Nel XIV secolo nella "Cronica Imaginis Mundi" di Iacopo d'Acqui c'è scritto «in muntibus Albe, ubi dicitur "Langhe"». (fonte: Wikipedia)

“Scippato il nome Langhe alle nostre nocciole”

Il nome «Langhe» potrà essere usato per i noccioli di tonda gentile piantati ovunque in Italia, tranne in Langa. È l’assurdo paradosso contro cui il territorio da mesi stava portando avanti una battaglia che pensava di aver ormai vinto. Invece il ministero per le Politiche agricole, in accordo con le Regioni, ha approvato il Registro nazionale dell... (La Stampa - 5 giorni fa) Leggi | Commenta
Loading....