Magia in Harry Potter

Nel mondo magico di Harry Potter creato dalla scrittrice britannica J. K. Rowling, la magia è descritta come una forza naturale che può essere usata per ignorare le normali leggi della natura e per compiere azioni non comuni. Molte creature magiche esistono nella realtà, ma nella serie hanno proprietà che non possiedono normalmente (come i gufi, che sono usati per trasportare la posta). Gli oggetti, anche, possono essere migliorati o modificati con il potere magico, così come possono essere usate pozioni magiche. La piccola percentuale degli esseri umani che sanno praticare la magia è rappresentata dalle streghe e dai maghi, al contrario la maggiore percentuale non-magica dai Babbani.
Negli umani, la magia o la mancanza di essa è un attributo innato. Il gene della magia è ereditato e non c'è modo di imporre la magia a una persona che non ha poteri magici.Esistono però delle eccezioni: le persone che non sono in grado di praticare le arti magiche pur avendo genitori dotati di poteri magici sono dette Maghinò, invece una strega o un mago nati da genitori privi di qualunque potere magico (Babbani) sono detti Nati Babbani o "Mezzosangue" ("Mudblood"), termine dispregiativo.Benché i Nati Babbani siano abbastanza comuni, i Maghinò sono estremamente rari, e non incidono molto sul fatto che i maghi siano in netta minoranza rispetto ai Babbani. (fonte: Wikipedia)
Loading....