(fonte: Wikipedia - chensiyuan)

Marco Belinelli

Alto, gioca nel ruolo di guardia nei San Antonio Spurs e nella Nazionale italiana.
È il primo e finora unico italiano ad aver vinto il titolo NBA (nella stagione 2013-2014 con i San Antonio Spurs), nonché l'NBA Three-point Shootout (all'NBA All-Star Weekend 2014).
Nella famiglia, il fratello maggiore Enrico gioca nella squadra locale, mentre il secondogenito Umberto si fa valere con buoni risultati a livello nazionale nel pattinaggio artistico a rotelle. Marco gioca nelle giovanili della squadra della Vis, che passa nei campionati regionali.
Nel 1997 viene notato da Gianni Giardini e segnalato a Massimiliano Milli, allora allenatore delle squadre giovanili della Virtus Bologna. Reclutato ed allenato da Milli e Licen Simone, per 4 anni (1997-2001), nella stagione 1997-1998 entra a far parte della squadra giocando nel ruolo di playmaker. La squadra vince per 4 anni di seguito i campionati provinciali e regionali e Marco riceve più volte la nomina di miglior giocatore nelle varie manifestazioni sportive. Marco continua a crescere e nella stagione 2001-2002 inizia ad occuparsi di lui Marco Sanguettoli, storico allenatore dei cadetti e juniores della Virtus. Con Sanguettoli, formatore di tanti giovani giocatori, Marco gioca 2 anni (2001-2003) e continua a migliorare esponenzialmente. A soli 15 anni inizia ad allenarsi con la prima squadra, con l'allenatore Ettore Messina e al fianco del campione argentino Emanuel Ginóbili, poi diventato uno dei suoi giocatori preferiti. (fonte: Wikipedia)

Pianigiani e il piano Europeo. "Voglio un basket ruvido"

Belinelli, Bargnani, Gallinari, Hackett e capitan Datome a far da chioccia a Cervi, Della Valle e Pascolo. Il c.t.: "Chi proviene da pallacanestro diverse si dovrà confrontare con un gioco meno scintillante, col rumore di ossa, che si avvicina a quello ... (La Gazzetta dello Sport - 15 giorni fa) Leggi | Commenta
Loading....