Nanni Moretti

Le sue opere sono caratterizzate inizialmente da una visione, in chiave ironica e sarcastica, dei luoghi comuni e delle problematiche del mondo giovanile del tempo, per poi indirizzarsi verso una critica più sostanziale della società italiana e dei suoi costumi.
Nasce a Brunico, in provincia di Bolzano, figlio di genitori romani in quel periodo in vacanza nel Trentino-Alto Adige; il padre, Luigi Moretti (1922 – 1991), era professore universitario di epigrafia greca e la madre, Agata Apicella (1921 – 2010), era originaria di Reggio Calabria e professoressa di lettere al ginnasio. Il fratello maggiore Franco è invece docente di letteratura comparata. Cresce a Roma e fin da adolescente inizia a curare le sue due passioni: la pallanuoto, giocando nella S.S. Lazio Nuoto, e il cinema.

Gli inizi negli anni Settanta
Dopo aver studiato al liceo classico Lucrezio Caro a Roma, nel 1973 gira il cortometraggio "La sconfitta", con una cinepresa Super 8 acquistata vendendo la sua collezione di francobolli; il film rivisita in chiave comica la crisi di un ex-militante sessantottino. A questa prima opera seguirà un secondo cortometraggio, "Pâté de bourgeois", nel quale sono trattate alcune storie di amici e di una coppia in crisi (il titolo è un gioco di parole in francese tra "paté de foie gras" ed "épater les bourgeois", "stupire i borghesi"). In quegli anni è iscritto al Cineclub Roma Sud insieme a molti altri futuri professionisti del giornalismo, della sceneggiatura o della regia. Nel 1974 gira il mediometraggio "Come parli frate?", una rilettura de "I promessi sposi", narrata dal punto di vista del personaggio di Don Rodrigo, interpretato dallo stesso Moretti. (fonte: Wikipedia)

Conte: La Nazionale? Sono stato in garage

Le parole sono importanti, ammonia Nanni Moretti in una scena del film Palombella rossa. Un consiglio che, evidentemente, Antonio Conte ha preferito non ascoltare, paragonando la Nazionale di calcio italiana ad un garage. Il commissario tecnico ha ... (Leonardo.it - 22 marzo 2016) Leggi | Commenta

IL TREND CONTROMANO DI POLETTI

Nel suo film Palombella Rossa Nanni Moretti molla una schiaffone ad una giornalista che usa la parola "trend". Chi parla male pensa male, aggiunge poi. Mi è venuto lo stesso prurito alle mani sentendo il ministro del ( si fa per dire) lavoro Poletti ... (L'AntiDiplomatico - 3 febbraio 2016) Leggi | Commenta
Loading....