Rina Brundu

Laureata in Lingue e Letterature Straniere, vive dal 1997 a Dublino, in Irlanda, dove ha lavorato nel settore informatico e finanziario.
Ha creato il personaggio Don Osvaldo da Silva Ochoa, detective bibliotecario di Villarosa, appassionato di informatica e di enigmistica. Don Osvaldo è comparso nel romanzo "Tana di Volpe" (Dario Flaccovio Editore, Palermo, 2003) e in storie brevi pubblicate da riviste letterarie. Nel luglio 2006, il racconto "Sirbone," con Don Osvaldo protagonista, ha vinto il I Premio Letterario Avant Garden.
di una rivisitazione delle "Venti regole
per scrivere un giallo" di S.S. Van Dine, la cui versione in lingua inglese
è stata pubblicata sulla popolare rivista dedicata alla letteratura
anglosassone di genere, CADS di Geoff Bradley (Essex –
Nel maggio del 2006 ha curato "Isole, Scritture Letterarie, Momenti d'Ogliastra" (Grafica del Parteolla, Cagliari, 2006), antologia della provincia dell'Ogliastra, con la collaborazione di studiosi della lingua sarda e scrittori. (fonte: Wikipedia)
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr

Televisione: dal costrutto mafia-corruzione di Travaglio creato a “DiMartedì” al talk-show governativo bollito e omologato che è diventato “Ballarò”.

di Rina Brundu. L’anno scorso scrissi che l’affare l’aveva fatto la RAI che si era rifiutata di sborsare milioni di euro per Giovanni Floris: sbagliavo, l’affare l’ha fatto Giovanni Floris che ha preferito La7 di Urbano Cairo, perché non c’é nulla che possa compensare un giornalista quanto la libertà di fare... (Rosebud Giornalismo online - 9 giorni fa) Leggi | Commenta

Quello che il renzismo non dice (206) – Un merito il renzismo ce l’ha: alla stregua di un ritratto di Dorian Gray ci ha fatto finalmente capire in che Paese viviamo.

di Rina Brundu. Non scherzo, penso davvero che questo sia l’unico “merito” che si possa attribuire al renzismo: ci ha fatto capire in che Paese viviamo. Confesso candidamente che non l’avevo capito. Avevo forse capito che la distinzione tra santi e reprobi operata dopo l’avvento del berlusconismo dal... (Rosebud Giornalismo online - 10 giorni fa) Leggi | Commenta

Quello che il renzismo non dice (205) – Dal petrolio alla Camorra: what next? Acqua, fuoco, fuocherello? Ma Renzi Mastrolindo non c’era e se c’era dormiva… E su Salvini maestro di vita.

di Rina Brundu. Il colmo (se così si può dire dato che ormai abbiamo raggiunto livelli mediatici così bassi da essere difficilmente raccontabili con un qualsiasi datato costrutto linguistico) è che durante il TG2 delle 13 l’indefesso giornalista faceva una volta ancora le pulci al passato di Virginia Raggi.... (Rosebud Giornalismo online - 10 giorni fa) Leggi | Commenta

Quello che il renzismo non dice (204) – Sul disrispetto del TG1 delle 8 nel Giorno della Liberazione: ma non esiste un organo di controllo che monitori le “apparizioni” del Premier in tv? E su “Report” e il “nuovo caso” Banca Etruria.

di Rina Brundu. Prima abbiamo dovuto ammirare il Renzi imbaccucato davanti all’Altare della Patria ricercato dal cameraman con la caparbietà dell’innamorato che non desiste, poi c’era il Premier in primo piano, con un sorriso all’Enrico la Talpa, durante il vertice internazionale di Hannover per la Libia e... (Rosebud Giornalismo online - 10 giorni fa) Leggi | Commenta

Filosofia dell’anima – Dell’oblìo digitale e delle sue proprietà da “entanglement” quantistico o da gatto di Schrödinger.

di Rina Brundu. Temo che alla Rete non verrà mai dato tutto il credito che merita. Ci sono aziende fondamentalmente digitali come Google, Yahoo, Facebook che hanno degli introiti di gran lunga superiori a quelli dei PIL della maggior parte dei paesi del terzo mondo messi insieme ed è indubbio che queste... (Rosebud Giornalismo online - 11 giorni fa) Leggi | Commenta
Loading....