Santa Marta (Colombia)

Santa Marta è un comune nel nord della Colombia, si affaccia sul Mar dei Caraibi ed alle spalle è circondata dalla "Sierra Nevada de Santa Marta"; è capoluogo del dipartimento di Magdalena. La città è un centro portuale e turistico di primaria importanza.
Il centro abitato venne fondato da Rodrigo de Bastidas nel 1525, ed è la più antica città ancora esistente in Colombia.
"El Libertador" Simón Bolívar morì in una tenuta chiamata Quinta de San Pedro Alejandrino nelle vicinanze di Santa Marta il 17 dicembre 1830.
Santa Marta venne fondata il 29 luglio 1525 dall'esploratore spagnolo Rodrigo de Bastidas che vi fece trasferire un centinaio di soldati ed alcuni indigeni. Prese questo nome poiché la sua fondazione avvenne il giorno dopo quello intitolato a Santa Marta, molto venerata dal popolo spagnolo. La sua importanza crebbe rapidamente poiché divenne sia un'importante base per le spedizioni verso l'interno della regione, sia un importante piazzaforte contro i pirati che infestavano il Mar dei Caraibi, sia un fondamentale centro amministrativo. Tuttavia la vicinanza con Cartagena le fece perdere il primato di principale porto della Colombia. Verso la metà del XIX secolo arrivarono a Santa Marta coloni da tutta l'Europa, che impiantarono industrie e coltivazioni intensive e collegarono la città con le piantagioni mediante una rete ferroviaria. Nel 1871 venne fondata l'"Universidad del Magdalena". Nel XX secolo quello di Santa Marta divenne il principale porto della nazione per l'esportazione delle banane e del carbone. Negli ultimi anni la popolazione è cresciuta notevolmente a causa dell'economia turistica, che ogni anno richiama migliaia di lavoratori stagionali. (fonte: Wikipedia)

«Chi cerca il successo senza pensare a Dio e famiglia è un fallito»

Papa Francesco lo ha affermato a Santa Marta. Occorre scegliere il Signore, che è il bene, per non essere lodato dalla massa e diventare solo un adoratore di «piccole cosine che passano». Guarda anche. Leggi anche. 19/02/2015. domenico agasso jr ... (La Stampa - 9 giorni fa) Leggi | Commenta

Papa: monito contro lavoro in nero, “E' un peccato gravissimo”

Duro monito di Papa Francesco contro il lavoro in nero. Durante la celebrazione della messa mattutina a Casa Santa Marta il Pontefice ha criticato i fedeli che mandano assegni alla Chiesa, ma che poi si comportano ingiustamente con i loro dipendenti. (Corrispondenti.net - 9 giorni fa) Leggi | Commenta

Papa Francesco ai fedeli: è un peccato mortale far lavorare in nero

«Non puoi fare offerte alla Chiesa sulle spalle dell'ingiustizia che fai con i tuoi dipendenti. È un peccato gravissimo: è usare Dio per coprire l'ingiustizia». È il monito di papa Francesco durante l'omelia della messa mattutina a Casa Santa Marta. «Se uno va a ... (Il Secolo d'Italia - 9 giorni fa) Leggi | Commenta

Non si può digiunare e poi pagare in nero gli operai

E' una invettiva contro l'ingiustizia quella di papa Francesco nell'omelia di Santa Marta. Non si può andare a messa tutte le domeniche, fare la comunione e pagare i dipendenti in nero. A chi fa offerte per la parrocchia, a chi va in chiesa tutte le settimane il ... (Famiglia Cristiana - 9 giorni fa) Leggi | Commenta

Papa: peccato gravissimo il lavoro nero

20 febbraio 2015 11.53 "Non puoi fare offerte alla Chiesa sulle spalle dell'ingiustizia che fai con i tuoi dipendenti. E' un peccato gravissimo: è usare Dio per coprire l'ingiustizia". Così il Pontefice nell' omelia della messa a Santa Marta. Ricordando il senso ... (Rai News - 9 giorni fa) Leggi | Commenta
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Mappa