Effetto coronavirus su Generali: le svalutazioni attaccano l’utile

Effetto coronavirus su Generali: le svalutazioni attaccano l’utile
Il Piccolo Il Piccolo (Economia)

Le svalutazioni legate allo scoppio della pandemia di coronavirus pesano sulla trimestrale di Generali, che in ogni caso a livello di solidità patrimoniale e di risultato operativo conferma la bontà del suo modello di business.

Se ne è parlato anche su altre testate

Per quanto riguarda la sinistralità, è al momento difficile fornire un'indicazione precisa sull'impatto del Covid-19. E' nullo il contributo delle dismissioni, rispetto a 128 milioni di plusvalenza del primo trimestre del 2019. (La Stampa)

Il logo Generali sulla Torre dell'azienda nel quartiere CityLife di Milano. Generali vede un utile operativo "resiliente" nel 2020, anche se probabilmente inferiore al dato del 2019, e un impatto negativo della crisi di Covid-19 sull'utile netto. (Yahoo Finanza)

In ogni caso «grazie al business mix e alla diversificazione prevede che il proprio operativo lordo sia resiliente nel 2020, sebbene in probabile flessione rispetto al 2019». (Il Sole 24 ORE)

Ecco che allora Generali dà appuntamento a novembre per un aggiornamento del piano 2021 e degli obiettivi. Proprio per mitigare l’impatto della riduzione prevista dei ricavi, Generali fa sapere che sta lavorando per ridurre significativamente i costi. (Finanzaonline.com)

Generali, si legge nella nota, sta "lavorando per ridurre significativamente i costi, al fine di mitigare l'impatto della riduzione prevista dei ricavi". (Yahoo Finanza)

L'utile netto di Generali nel primo trimestre scende a 113 milioni di euro (da 744 milioni dello stesso periodo 2019) per 655 milioni di svalutazioni sugli investimenti legate all'impatto del Covid-19 sui mercati finanziari e del contributo di 100 milioni stanziati dal gruppo italiano per il Fondo per l'emergenza. (Ticinonline)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti