Decreto Covid: stop alle visite in zona rossa, prorogato il divieto di spostamento fra regioni

Decreto Covid: stop alle visite in zona rossa, prorogato il divieto di spostamento fra regioni
ChietiToday INTERNO

Il decreto del 22 febbraio, inoltre, proroga il blocco degli spostamenti tra le regioni (anche in fascia gialla) fino al 27 marzo.

Non varrà più la regola della visita concessa una volta al giorno a due adulti anche con figli minori di 14 anni e/o disabili conviventi.

Nuova stretta nel decreto legge Covid approvato ieri mattina dal Consiglio dei ministri e che vieta - a differenza del precedente - le visite nella abitazioni site all’interno delle zone rosse. (ChietiToday)

Ne parlano anche altri media

Coronavirus. Le nuove regole in zona Rossa. Andiamo allora a vedere quelle che sono le nuove regole in vigore in zona Rossa Emergenza coronavirus, cosa si può fare e cosa no dopo il decreto approvato dal governo Draghi nella giornata del 22 febbraio. (News Mondo)

Ok alla proroga del divieto fino al 27 marzo 2021 per gli spostamenti tra Regioni, anche tra zone gialle. Il decreto legge sugli spostamenti interregionali entrerà in vigore dal 26 febbraio; a seguire alla fine del mese un nuovo Dpcm in sostituzione di quello in scadenza il 5 marzo. (Money.it)

Vietato, secondo quanto si apprende, anche trasferirsi nelle abitazioni private (seconde case) in zona rossa. Roma, 22 febgraio 2021 - Il nuovo decreto legge approvato stamattina dal Consiglio dei ministri prevede un ulteriore giro di vite per chi abita in zona rossa. (Il Giorno)

Nuovo Dpcm, stretta per visite ai parenti, cosa cambia in Sicilia

Nelle zone arancioni, per i Comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti, sono consentiti gli spostamenti anche verso Comuni diversi, purché entro i 30 chilometri dai confini Il Decreto Legge del Governo Draghi ha disposto lo stop agli spostamenti tra le regioni fino al 27 marzo e niente visite private a parenti e ad amici in zona rossa, come abbiamo riferito in alcuni articoli precedenti. (Tecnica della Scuola)

Il primo decreto sull'emergenza Covid del governo di Mario Draghi conferma la linea del rigore e inasprisce il provvedimento che scadrà il 25 febbraio. Il vecchio decreto consentiva questo tipo di spostamenti all'interno della regione in zona gialla e nell'ambito comunale in quella arancione e rossa. (L'Unione Sarda.it)

Resta nelle zone gialle e arancioni la possibilità, una sola volta al giorno, di spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata, tra le 5 e le 22, in massimo due persone, con i figli minori di 14 anni. (Quotidiano di Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr