La Cina sta per scatenare la madre di tutti i colli di bottiglia. E forse il trade dell'anno

La Cina sta per scatenare la madre di tutti i colli di bottiglia. E forse il trade dell'anno
Approfondimenti:
Money.it ESTERI

Stessa scelta compiuta da Toyota e a giorni potrebbero chiudere anche gli stabilimenti di Sony e Panasonic a Dalian.

La madre di tutti i colli di bottiglia.

L’economia globale, già in rallentamento generale, sta per andare incontro a uno shock sulla supply chain che potrebbe rivelarsi letale.

Se poi la Russia chiudesse del tutto il rubinetto dei flussi di gas, si salvi chi può

L’immagine parla chiaro: il solo short di Shimao ha già creato i green shots per un’accelerazione da record del pair trade fra indici di costruttori Usa e cinesi. (Money.it)

La notizia riportata su altre testate

Mai come negli ultimi anni gli occidentali si stanno accorgendo di quanto sia vera questa affermazione Tempi duri generano uomini forti, uomini forti generano tempi felici. (Come Don Chisciotte)

La politica “Covid zero” cinese, che cerca di fermare il virus con lockdown e tracciamenti, si sta rivelando sempre più pesante. Il tutto nonostante la casa automobilistica tedesca avesse per tempo provveduto a testare tutti i lavoratori sul Covid-19. (GameGurus)

Ora è possibile che i lockdown in Cina aumentino, dato che la variante Omicron è molto contagiosa. Può ben darsi che la Cina, la fabbrica del mondo, lo faccia apposta per inguaiare l’Occidente. (Visione TV)

Cina, così Omicron sta mettendo a dura prova la strategia Covid-zero

La Cina è il Paese più grande che attua una politica «zero-Covid», cioè cerca di scovare e isolare ostinatamente ogni singolo caso di virus, indipendentemente dai costi emotivi o economici. La strategia zero-Covid rimane la scelta migliore per la Cina, secondo Liang Wannian, uno dei massimi esperti che supervisiona la risposta all’epidemia del Paese. (epochtimes.it)

E il peggio deve ancora arrivare sotto forma di un moltiplicarsi di lockdown e di quarantene, a sentire Deustche Bank. Così, a fronte di un peggioramento della situazione in Cina, le banche centrali potrebbero essere costrette a cambiare strategia (ilGiornale.it)

E nonostante i tassi di vaccinazione siano alti, l’efficacia dei vaccini cinesi contro Omicron rimane un grande punto interrogativo. Certo, i lockdown duri imposti dal Partito comunista cinese a milioni di persone, al primo caso di positività, sono operazioni tipicamente cinesi che risulterebbero impraticabili in Occidente. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr