Usa, protesta a New York contro la sentenza della Corte Suprema sulle armi - Il Sole 24 ORE

Usa, protesta a New York contro la sentenza della Corte Suprema sulle armi - Il Sole 24 ORE
Per saperne di più:
Il Sole 24 ORE ESTERI

Secondo la legge in vigore dal 1913, i residenti di New York dovevano mostrare una giusta causa, o un'effettiva necessità, di portare una pistola nascosta in pubblico per autodifesa.

Questo quindi ha suscitato una rapida reazione da parte dei gruppi di protesta locali che continuano a battersi per leggi di prevenzione

Giovedì infatti è stata annullata una legge dello stato di New York che limitava chi poteva ottenere un permesso per portare una pistola in pubblico. (Il Sole 24 ORE)

Su altre fonti

La Corte Suprema americana ha infatti annullato una delle leggi più restrittive sulle armi adottate da New York. “La Camera dei Rappresentanti dovrebbe votare prontamente su questo disegno di legge bipartisan e inviarlo alla mia scrivania“, ha aggiunto (Periodico Daily)

Con una maggioranza granitica di sei contro tre giudici costituzionali, la Corte invia alla politica un messaggio molto chiaro già anticipato nelle parole dei giudici conservatori al momento della loro conferma al seggio più alto della magistratura americana: la Costituzione non è un documento vivo, che si addatta ai tempi e che va interpretato con la sensibilità del mondo moderno, ma è un monumento da preservare intatto nel pieno dell’interpretazione del legislatore originale (L'HuffPost)

Le armi sequestrate dall’inizio dell’anno dalla polizia di New York sono state oltre 3.000, mentre gli arresti legati alle armi sono ai massimi degli ultimi 28 anni Nel 2022 a New York oltre 3.000 armi sequestrate. (Open)

New York, la Corte Suprema decide: nessuna licenza per portare un'arma in pubblico

La Corte, infatti, Ha ufficialmente comunicato che chi risiede negli Stati Uniti ha il diritto di portarsi le armi in giro anche fuori da casa. La sentenza delle Corte Suprema lavora sui diritti individuali legati alle armi e li amplia annullando la legge di New York, la quale, limitava i diritti. (Il Sussidiario.net)

La reazione di Biden. “Sono profondamente deluso”, si è rammaricato il presidente, denunciando una sentenza che cancella un divieto “ultra secolare” nello stato di New York e che “contraddice sia il buon senso che la costituzione”. (Ticinonews.ch)

A rincara la dose, è il governatore della California, Gavin Newsom: "Un giorno buio per l'America, una decisione pericolosa" che porta a spingere "un'agenda ideologica radicale". La sentenza arriva mentre Washington discute per una legge sulla limitazione dell'uso delle armi anche in seguito alle recenti stragi in Texas, California e New York (Vatican News - Italiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr