Covid e Burioni: annuncio social vaccino entro novembre.Il caso Pfizer

Covid e Burioni: annuncio social vaccino entro novembre.Il caso Pfizer
CheDonna.it CheDonna.it (Salute)

Vaccino anti-Covid ed il caso Pfizer. A dieci giorni dal nuovo DPCM e con ulteriori strette probabili che si sentono nell’aria, le parole di Albert Bourla sono ricche di speranza.

Nelle ultime ore si riaccende per molti la speranza del vaccino a seguito di un annuncio social fatto da Burioni sul caso Pfizer.

Albert Bourla: il vaccino per il ceo Pfizer. Albert Bourla è poi tornato a parlare dei tre punti da soddisfare facendo un chiarimento molto importante. (CheDonna.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Roberto Burioni sbotta su Twitter. Albert Bourla, amministratore delegato di Pfizer, in una lettera aperta, ha detto che se tutto andrà bene presenterà una richiesta per un'autorizzazione di emergenza del vaccino contro Covid-19 nella terza settimana di novembre 2020. (Adnkronos)

Infine, dobbiamo dimostrare che il vaccino può essere costantemente prodotto secondo i più elevati standard di qualità". La casa farmaceutica Pfizer prevede di chiedere l'autorizzazione per il suo vaccino anti-Covid all'agenzia americana Fda nella terza settimana di novembre. (San Marino Rtv)

Innanzitutto il vaccino deve essere efficace, il che significa che può aiutare a prevenire il Covid 19 nella maggior parte dei pazienti vaccinati. 3 ' di lettura. Un vaccino contro il coronavirus potrebbe per chiedere l’autorizzazione alla vendita entro la terza settimana di novembre, un mese. (The Wam)

Coronavirus, Burioni frena sul vaccino: “Arrivo entro novembre? Non l’ho mai scritto” (FOTO)

L’immunologa però spiega nei dettagli la possibile soluzione. L’Italia è vicinissima al secondo lockdown ed il vaccino anti Covid sarebbe la panacea di tutti i mali, sanitario in primis. Secondo la donna è possibile avere un vaccino entro novembre, ma con riferimento chiaro alla registrazione dello stesso con procedure di emergenza. (BlogLive.it)

Infine, dobbiamo dimostrare che il vaccino può essere costantemente prodotto secondo i più elevati standard di qualità". In secondo luogo bisogna dimostrare che il vaccino sia sicuro, con dati affidabili generati da migliaia di pazienti. (Sky Tg24)

https://t.co/4GgR8bdiGW — Roberto Burioni (@RobertoBurioni) October 17, 2020 Difficile – e forse inutile – provare a informarvi correttamente se il senso di quello che scrivo viene distorto. (RomaNews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr