Long Covid: con Omicron il rischio si riduce del 58%

la Repubblica SALUTE

"Il numero assoluto di persone che sperimentano Long Covid in un dato momento dipende dalla forma e dall'ampiezza della curva pandemica.

Visto il numero elevatissimo di persone infettate da Omicron negli ultimi mesi in futuro il numero delle persone con Long Covid aumenterà inevitabilmente", concludono

Non soltanto meno aggressiva, ma anche con meno strascichi: con Omicron, infatti, il rischio di sviluppare long-Covid si è ridotto del 58,3% rispetto a Delta. (la Repubblica)

La notizia riportata su altri giornali

Sono i possibili sintomi del Long Covid nei bambini da zero a 14 anni, che interessano il 40% circa dei guariti da Sars-CoV-2 in questa fascia d'età e durano almeno 2 mesi. A indicarli è il più grande studio condotto finora sulla sindrome post-infezione negli under 14, pubblicato tu 'The Lancet Child & Adolescent Health'. (Tiscali Notizie)

Ascolta la versione audio dell'articolo. 3' di lettura. Da qui, i ricercatori inglesi stanno lanciando uno degli studi clinici tra i più grandi al mondo per testare in modo randomizzato e statisticamente significativo le potenziali terapie per il Long Covid (Il Sole 24 ORE)

Diversi studi medici condotti in paesi europei e nel resto del mondo hanno dimostrato che il rischio di imbattersi nel Long Covid dopo l’infezione acuta supera il 20%, il che non è affatto poco. Inoltre è stato acclarato che l’insorgenza della sindrome Long Covid non è direttamente legata alla gravità della malattia Covid. (ReteAbruzzo.com)

E allora cosa succede e cosa ci possiamo aspettare? Il Long Covid è un fenomeno destinato ad aumentare. (Corriere TV)

LIVE. Altre stime inglesi, ha aggiunto, "parlano di disturbi nel 20% dei casi dopo 5 settimane e nel 10% dopo 3 mesi. (Sky Tg24 )

Si tratta di una ricerca sottoposta a revisione tra pari: la prima che studia la differenza tra il Long Covid post Omicron e post Delta. Quali sono le cause del Long Covid. Sulle cause del Long Covid gli studi ancora non sono sufficienti e completi, ma qualcosa è già emerso. (Money.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr