Tennis, Djokovic di nuovo detenuto. Il governo australiano: "Talismano No Vax, rischio rivolte civili"

Tennis, Djokovic di nuovo detenuto. Il governo australiano: Talismano No Vax, rischio rivolte civili
Approfondimenti:
Dire SPORT

Hawke ha anche affermato che le conseguenze della cancellazione del visto di Djokovic sono state “significative”: “Il signor Djokovic si reca regolarmente in Australia per partecipare a tornei di tennis.

Così il ministro dell’immigrazione australiano, Alex Hawke, ha motivato la seconda cancellazione del visto del numero uno al mondo del tennis.

“Il signor Djokovic è una persona influente e di prestigio. (Dire)

Su altri giornali

Nadal: «Con o senza di lui, AO grande comunque». «L'Australian Open è molto più importante di qualunque giocatore». La presenza del serbo nel paese è ritenuta una minaccia perché «potrebbe incoraggiare sentimenti contro la vaccinazione» e per questa ragione venerdì il governo gli aveva cancellato il visto per la seconda volta. (Bluewin)

In Australia è cominciata l'ultima notte prima della decisione definitiva sul caso Novak Djokovic, che sarà presa dal tribunale federale nella notte italiana di domenica 16 gennaio. Una delle questioni rimaste aperte nei giorni scorsi è relativa all'errore commesso dal numero uno al mondo nella compilazione del formulario per entrare nel Paese. (Tennis World Italia)

Rivivi con Calcio in Pillole le notizie più importanti della mattina: alle 15:00 con la sfida tra Sampdoria e Torino parte la 22ª giornata di Serie A. 10:51 – Malagò chiarisce: “Lo sport e il calcio devono avere dei ristori economici”. (Calcio In Pillole)

Tennis: Djokovic di nuovo in stato di fermo

Non è escluso, peraltro, che possa esserci anche la vicenda Djokovic e il suo tentativo di giocare gli Australian Open all’interno dello show. La produzione è iniziata durante le qualificazioni degli Australian Open 2022 e proseguirà per alcune settimane. (SPORTFACE.IT)

Per la seconda volta il governo australiano ha revocato il visto d’ingresso di Nole Djokovic. Non sarà però Kelly, giudice ’locale’, ad occuparsi del caso, che passa alle toghe della Corte federale. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Milano, 15 gen. (LaPresse) – Novak Djokovic tornerà nel centro di detenzione per migranti in attesa che il suo appello contro la seconda cancellazione del suo visto da parte dell’Australia venga esaminato in tribunale alle 9.30 di domani. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr