Referendum sulla cannabis, in 48 ore oltre 200mila firme

Referendum sulla cannabis, in 48 ore oltre 200mila firme
La Provincia Pavese INTERNO

Lo ha dichiarato Giuseppe Civati, fondatore di Possibile e tra i promotori della raccolta firme per il referendum sulla cannabis.

La campagna per il referendum sulla cannabis non necessita di ulteriori commenti, bastano le cifre.

È partito con questo obiettivo il referendum cannabis, presentato oggi dalle associazioni Luca Coscioni, Meglio Legale, Forum Droghe, Antigone, Società della Ragione.

Si è schierato dalla parte del referendum anche Beppe Grillo che ha invitato i suoi militanti a firmare online sul sito referendumcannabis. (La Provincia Pavese)

Su altri giornali

Credo che nella giornata di oggi supereremo le 250mia firme, cioè in tre giorni la metà di quelle che ci servono. Il tutto mentre i principali media non ne parlano” così il deputato presidente di +Europa Riccardo Magi (TgCal24.it)

Un’opportunità unica per l’Umbria e in particolare per Città di Castello per attuare un piano di riconversione per le aziende storiche che hanno coltivato negli ultimi anni. Un piano atteso dagli agricoltori che rischiano di rimanere senza lavoro e difficilmente troveranno una ricollocazione nei territori tabacchicoli. (Alto Tevere Oggi)

Durante l’interrogatorio di convalida che si è tenuto questa mattina, l’imprenditore ha risposto alle domande fornendo una serie di indicazioni riguardo alla sua attività. In particolare, il titolare ha spiegato che il quantitativo di thc, il cui limite è dello 0,2 percento con tolleranza fino allo 0,6, può variare per diversi motivi, come quello climatico. (LeccePrima)

Referendum cannabis, Salimbeni (+Europa): "Una firma per combattere sballo e spaccio criminale"

È il risultato raggiunto dal referendum per la cannabis legale, la cui raccolta firme ha preso il via sabato 11 settembre. (Radio Lombardia)

Sono passate solo 48 ore, ma la conta delle adesioni ha quasi raggiunto la metà delle firme necessarie secondo Costituzione (mezzo milione). Non si è ancora conclusa la raccolta delle firme per il referendum sull’eutanasia legale, ma già è partita una raccolta per una consultazione sulla depenalizzazione della cannabis. (L'HuffPost)

"Da sempre sono contro lo sballo e contro lo spaccio e la criminalità - chiarisce il portavoce di +Europa - proprio per questo vi invito a firmare: non è solo una questione di diritto o di libertà: è una questione di responsabilità, di governo dei fenomeni, di creazione di un mercato, anche economico, pulito, trasparente e legale" (RavennaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr